Sanremo, ai musicisti 50 euro al giorno

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
sanremo

“Ricchi cachet per artisti famosi e paghe vergognose per altri professionisti. Cinquanta euro al giorno è il compenso di molti musicisti che si esibiranno da oggi sul palco dell’Ariston”. È quanto denuncia la segretaria nazionale Slc Cgil Emanuela Bizi a poche ore dall’inaugurazione della settantesima edizione del Festival di Sanremo.

“Prove estenuanti e tempi di lavoro interminabili: dalle 10 del mattino fino a fine diretta, spesso dopo la mezzanotte. Sono condizioni inaccettabili che – sottolinea la dirigente sindacale – svelano, ancora una volta, come dietro luci sfavillanti e giacche doppiopetto il mondo dello spettacolo in Italia non riconosca il lavoro degli artisti anche se, proprio sulle loro capacità e competenze, mette in piedi fruttuosi business”.

“Una situazione che, se possibile, appare ancora più grave quando a determinarla è la Rai, azienda che svolge il fondamentale compito di servizio pubblico, e che non può discriminare o non pagare adeguatamente tutti i suoi lavoratori, compresi gli artisti. Purtroppo – conclude la segretaria nazionale Slc Cgil – l’orchestra a Sanremo non suona una musica uguale per tutti”.

La denuncia della Slc Cgil, rilanciata in un comunicato stampa della Cgil nazionale, segue alla pubblicazione di un’inchiesta sul lavoro degli orchestrali di Sanremo, pubblicata il 4 febbraio sul sito Informazionesenzafiltro.it.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

È l’anno del riscatto per la produzione olivicola italiana. Dopo

Quanto guadagnano “loro” con i nostri dati sul web? Ormai

Il presidente ONA Bonanni: “Avanti con il processo con l’auspicio

E’ strano vedere come gli stessi che si battono contro

La Fiorentina continua a risalire, il Napoli ad affondare. E’

BRUGNERA- Ha registrato pieno successo il primo corso internazionale di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.