Sansa e Toti giocano mentre il turismo muore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Spiagge

Come al solito la destra e la sinistra o ancora meglio il partito unico litigano sulle cifre uno parla male dell’altro intanto nessuno dei due aiuta il settore turismo della Liguria.

Non è promettendo futuri e inesistenti investimenti come fa Ferruccio Sansa che il settore si riprenderà da questa grave crisi. E tantomeno non serve saltellare da una cifra all’altra con impeto fantasioso e promuovendo la Liguria…in Liguria! come fa Giovanni Toti, così, tanto per far vedere che fa qualcosa.

I due poi si divertono a lanciarsi comunicati stampa, interviste o post su Facebook per dire che uno è più brutto dell’altro e intanto commercianti, hotel, bed and breakfast a conduzione familiare, e tantissimi lavoratori autonomi non sanno come continuare a rimanere in piedi.

È ora che si metta mano al portafoglio, quello bello grosso che la maggioranza della regione ha a disposizione quando per esempio deve pagare le televisioni o le affissioni in tutta la Liguria, o per società partecipate in perdita che non servono a nessuno.

È il momento che si smetta con le parole inutili e si faccia quello che serve per i liguri. Sappiamo bene che il partito unico, il partito del cemento del PD e quello delle multinazionali della Lega e degli ex berlusconiani non faranno mai niente, e per questo noi combatteremo sempre al fianco dei Liguri per difenderli dallo sfascio totale che questi partiti uniti da sempre cercano di mettere in atto.

Servono soluzioni immediate come finanziamenti a fondo perduto per le aziende e sgravi fiscali immediati di tutto quello che è regionale in modo da non dover dipendere da un governo che si è dimenticato dei cittadini. La regione da sola può fare molto, tantissimo, deve solo volerlo fare. Noi le soluzioni le abbiamo e le condividiamo per il bene dei Liguri.

Per attrarre turisti, serve subito il collegamento ferroviario Genova-aeroporto, le compagnie low-cost evitano il principale aeroporto Ligure perché è sprovvisto del collegamento ferroviario! Va finanziata la riqualificazione dell’offerta turistica, tutti gli operatori che innovano, abbelliscono, pensano a nuove formule vanno incentivati e aiutati.

Inoltre serve investire in promozione turistica all’estero, non in Liguria. Ma altrettanto inevitabile è rivedere il contratto di servizio con Trenitalia e prevedere molti più treni. Da non dimenticare poi la riapertura della Via dell’Amore alle Cinque Terre! È una vergogna il lassismo degli ultimi anni e la mancanza di passione, creatività e competenza nel risollevare il settore turistico.

Alice Salvatore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’Amministrazione Comunale annuncia un “giro di vite” sul fronte controlli

CAMPANIA SECONDA PER OCCUPATI. Sono 1 milione 119 mila le

COSÌ LE RISSE GIALLOROSSE TENGONO IN OSTAGGIO GLI AIUTI A

SE NON SARANNO RITROVATI I CORDONI AFFIDATI A BANCHE ESTERE

Sono aperte al pubblico le “Nuove Gallerie Leonardo” al Museo

Calalzo, comune deplasticizzato. Parte dal Cadore la nuova battaglia di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.