Sassoli: “Verso slittamento a 1° dicembre nuova Commissione Ue”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
sassoli

Si va verso uno slittamento dal 1° novembre al 1° dicembre per l’insediamento della Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen. A confermare l’ipotesi è il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, a margine del Forum Coldiretti di Cernobbio. “Il Parlamento è impegnato in un meccanismo trasparente, adesso naturalmente dovranno essere proposti altri tre commissari da parte della Romania, Ungheria e Francia. Inizieremo in Parlamento l’esame delle candidature. Penso che forse la data del 1° novembre non sarà più possibile rispettarla e andremo a quella del 1° dicembre”.

Quanto al voto del Pd a favore della candidata commissario francese Sylvie Goulard, Sassoli ha commentato: “Hanno fatto la loro valutazione e l’hanno votata. C’è chi ha votato a favore e chi contro, però – attenzione – sono tre i commissari che sono stati bocciati”. “Adesso se ne esce – ha aggiunto – con la nomina di altri tre commissari e un meccanismo di valutazione degli interessi finanziari e poi delle audizioni in Parlamento. Non succede nulla se si rinvia di qualche settimana” ha concluso.

A proposito del negoziato sul quadro finanziario del bilancio dell’Unione europea Sassoli ha spiegato che “questo negoziato sarà molto duro”. “Già giovedì prossimo al Consiglio europeo se ne discuterà e incontreremo anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – ha affermato intervenendo al Forum di Coldiretti – per avviare il negoziato sul quadro finanziario pluriennale del bilancio dell’Unione che ci dice dove mettere i soldi per fare cosa nei prossimi anni. E soprattutto per chiarirci le idee” ha spiegato Sassoli a proposito del negoziato che si svolgerà tra i Paesi membri, il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione Ue.

“Le indicazioni che sono arrivate nella scorsa legislatura dalla Commissione prevedono dei tagli insopportabili – ha rimarcato Sassoli – che potrebbero colpire fortemente il settore agricolo ma non solo. E’ un bilancio sbagliato, perché fotografa l’esistente e non dà capacità di crescita”. “Non si può pensare di dimezzare il fondo di aiuti alla povertà”, ha aggiunto a margine del Forum.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’urgenza di alcune questioni che si stanno trascinando da troppo

Il Capo dello Stato si è collegato con la Stazione

«La questione delle norme è demandata al legislatore. I monopattini

È tutto pronto a Conegliano Veneto per il secondo round

Quando nel 1999 incontrai, come presidente del Consiglio, papa Giovanni

La Turchia inizierà lunedì a espellere verso i Paesi d’origine

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.