Saviano esulta per Salvini alla sbarra, l’ira del web: «A Robé prima o poi tocca pure a te e a Vauro»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
saviano

Sul caso Gregoretti, ieri sera il Senato ha votato l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini. A Roberto Saviano non sembra vero: e la soddisfazione è talmente tanta che non riesce ad aspettare più di qualche ora prima di esultare sui social. Ma il web, tempistica a parte, non (lo) perdona: e lo bastona a suon di legnate virtuali…
Saviano esulta per Salvini alla sbarra

La decisione dell’Aula, bocciata appena stamattina dalla maggioranza dell’opinione pubblica, che con un sonoro 43% del favore degli italiani emerso da un sondaggio di settore, si è espresso contro il verdetto di Palazzo Madama, fa saltare dalla gioia l’autore di Gomorra. Che, motivato dall’odio nutrito contro il nemico di sempre, ne ha subito approfittato per infierire ulteriormente con il leader del Carroccio. Tanto per fare “bella compagnia” al solito Vauro, anche lui previdente e solerte nell’inveire contro Salvini e esultare per l’autorizzazione a procedere decretata in Senato…
Il suo tweet, la vignetta di Vauro

Solo che, mentre il vignettista ha affidato astio e ostilità all’ennesima striscia al vetriolo, Saviano ha postato un tweet in cui, retoricamente quanto polemicamente, lo scrittore si chiede: «131 persone salvate nel Mediterraneo dalla #Gregoretti, nave della Marina militare: davvero Salvini credeva, chiudendo i porti, di stare difendendo i confini italiani?». E subito dopo: «E poi da cosa, da una nave della Marina militare italiana con a bordo non uomini armati, ma naufraghi disperati?»…
Crede di aver inferto la stoccata…

Con il post, corredato da una immancabile foto dell’ex ministro, Saviano crede di aver assestato la sciabolata contro Lega e leghisti. E invece: non solo il suo commento non ha riscosso consensi e simpatia di moltissimi utenti ma, addirittura, ha motivato una crociata contro il suo autore che probabilmente neppure lui si aspettava. E giù con bordate ora ironiche, ora furiose, contro il giornalista napoletano. Che voleva scatenare una crociata anti-salvininana e si è ritrovato impallinato da fuoco amico e nemico. Una levata di scudi, quella contro Saviano, che, tra risposte piccate e rivendicazioni argomentate, ha rispedito al mittente frecciata, frecce e intera faretra…
E si becca le legnate degli utenti social

Così, tra chi invita lo scrittore a uscire «e prendere una boccata d’aria ogni tanto». E chi, ha sottolineato l’ennesima occasione perduta da Saviano di evitare «un’altra occasione di non fare figure di mer..a», sono stati diversi gli utenti a chiedersi «a quanto un tuo tweet su Bibbiano? Aspettiamo ancora»… Ma il più caustico è decisamente il firmatario di un commento a dir poco risentito. Un cinguettio mirato che, testualmente, recita: «Ancora noi italiani dobbiamo capire da dove vieni fuori! Prima o poi arriverà anche per te il giusto processo nei tribunali con il tuo amico #Vauro». E a stretto giro qualcun altro, sagacemente ha aggiunto: «Secondo me con un naso rosso e delle grandi scarpe, sai quanti bambini faresti divertire?». E a buon intenditor…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Nella mattinata conclusiva dei Campionati Italiani Juniores e Promesse la

Approvata oggi in Commissione Cultura della Camera (con la sola

POMAIA (PISA). La prima volta fu nel 1995. Racconta chi

E credo che la nostra energia oggi sia più preziosa

ANCHE LA REGIONE UMBRIA DEVE FARE LA SUA PARTE Il

Il tema delle #quotelatte continua a sollevare polemiche, toccando da

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.