ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Scatta il nuovo Regolamento Ue su Cybersicurezza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
cyber

Di fronte a sfide sempre maggiori in materia di cibersicurezza, l’Unione europea risponde duramente ai ciberattacchi nei confronti degli Stati membri o delle istituzioni dell’UE. L’”Internet delle cose” è già una realtà: entro il 2020 sono previsti nell’UE decine di miliardi di dispositivi digitali connessi. Al tempo stesso i sistemi TIC odierni possono essere gravemente compromessi da incidenti di sicurezza, ad esempio guasti tecnici e virus. Questi tipi di incidenti, spesso chiamati incidenti a carico della sicurezza delle reti e dei sistemi informativi, stanno diventando più frequenti e più difficili da affrontare. Inoltre, si calcola che i ciberattacchi costino all’economia mondiale 400 miliardi di EUR ogni anno.

Molte imprese e amministrazioni in tutta l’UE si affidano alle reti e infrastrutture digitali per fornire i loro servizi essenziali. Ciò significa che quando si verifica un incidente a carico della sicurezza delle reti e dei sistemi informativi, l’impatto può essere enorme poiché i servizi vengono compromessi e le imprese non possono lavorare correttamente.

Inoltre, un incidente di questo tipo verificatosi in un paese può avere ripercussioni in altri paesi e persino in tutta l’UE. Oltre a ciò, gli incidenti di sicurezza indeboliscono la fiducia dei consumatori nei sistemi di pagamento online e nelle reti TIC.

In questo contesto sono le due novità introdotte dallo European Cybersecurity Act, il nuovo regolamento europeo a favore della sicurezza informatica, in vigore da oggi in tutta l’Unione: un quadro europeo di certificazione della sicurezza dei servizi e dei dispositivi digitali, con schemi basati sul potenziale di rischio, e poteri più incisivi per l’Agenzia europea per la sicurezza informatica (Enisa) per sostenere gli Stati membri nella risposta a minacce e attacchi cibernetici. L’impegno dell’esecutivo Ue è presentare “un modello europeo forte per la sicurezza informatica, in linea con i valori democratici Ue, a salvaguardia degli interessi dei cittadini e delle imprese europee”, ha detto la commissaria Ue al Digitale, Mariya Gabriel.

L’offensiva dell’Ue in materia di cybersicurezza non si ferma al nuovo regolamento sulla certificazione della sicurezza informatica. A marzo, la Commissione ha raccomandato agli Stati membri una serie di misure per garantire la sicurezza delle reti 5G in tutta l’Ue e una risposta è attesa entro dicembre. Lo scorso maggio, inoltre, il Consiglio europeo ha approvato un regime di sanzioni che l’Ue può imporre per scoraggiare le minacce informatiche e rispondere agli attacchi. Secondo gli ultimi dati Ue disponibili, il mercato europeo della sicurezza informatica vale 130 miliardi di euro e registra una crescita annua del 17%.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Un intero pomeriggio nel Salone dei Cinquecento quanto costa? Nel

Ho incontrato Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Abbiamo deciso che

Da Catania a Torino, da Milano a Napoli, da grandi

Credo che Matteo Salvini abbia ragione. Per me non avrebbero

“Il ritorno del nome e del simbolo storico del Partito

aereo

Una sorta di “passaporto vaccinale”, per favorire la mobilità internazionale

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.