Scoccimarro, progetto Barcolana promuove arte e mare pulito

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
thumb500_75701_scocci1

Trieste – “L’impulso che ha avuto la sensibilità ambientale nel mondo nell’ultimo anno è incredibile e innumerevoli sono le iniziative che ormai dal singolo cittadino al grande ente pubblico o società privata mettono in atto per salvare il pianeta da una delle sue piaghe, ossia le plastiche. Nel corso del mio mandato vorrei proprio creare una rete di iniziative coordinate volte alla tutela dell’ambiente, proprio come oggi la Barcolana con ‘dalla pARTE del MARE’ mette per esempio insieme Regione, Comune, AcegasApsAmga, Herambiente, Despar e soprattutto i cittadini”.

L’assessore regionale Ambiente ed Energia Fabio Scoccimarro si è congratulato così con il presidente della Società velica Barcola-Grignano Mitja Gialuz per il progetto artistico che la Barcolana inserisce nel proprio programma: nei punti vendita Despar che aderiscono all’iniziativa verranno posizionati dei bidoni dove i cittadini potranno conferire i flaconi di plastica usati e le bottiglie d’acqua vuote che poi andranno a formare una grande installazione artistica (un sardone barcolano alto 2 metri e lungo 10 metri) che sarà il simbolo di questa edizione dell’evento, e ricorderà a tutti che la plastica va utilizzata fino in fondo, in più modi possibili e per più tempo possibile, e solo alla fine conferita nella raccolta differenziata.

“Molte sono le iniziative che la Regione mette in campo per sensibilizzare la popolazione all’utilizzo di materiale eco compatibile – ha aggiunto Scoccimarro -, come per esempio i contributi alle ‘ecofeste’ o il nuovo ‘tifo pulito’ che vuole supportare le tifoserie e società sportive che utilizzino nelle loro attività, perché lo sport è un grande veicolo culturale da sfruttare per cavalcare la rivoluzione delle abitudini della vita quotidiana, cominciando dai bambini da cui, grazie a dei progetti di educazione ambientale nelle scuole che andremo a finanziare, arriverà l’impulso maggiore”.

“Sappiamo ormai che mangiamo pesci in cui molto spesso vengono ritrovate microplastiche – ha sottolineato l’assessore regionale – e abbiamo trovato nelle marine e società nautiche degli alleati per mettere in atto una serie di progetti pilota per l’eliminazione delle plastiche dal mare”.

“Questa Barcolana anticiperà e sarà anche un valido esempio di comportamenti virtuosi che di certo evidenzierò negli “Stati generali dell’Alto Adriaico” che sto organizzando insieme alla Direzione Ambiente e l’Arpa FVG – ha concluso l’assessore Scoccimarro -, in cui vorrei proporre una “Carta di Trieste”, come fu quella di Parigi, affinchè le regioni del Nord-Est d’Italia e i paesi confinanti riflettano assieme sul futuro delle loro aree, ponendosi degli obiettivi annuali da raggiungere insieme, perché le plastiche, il mare e l’aria non conoscono confini”.

Alla presentazione del progetto per Arpa FVG era presente il neo direttore Stellio Vatta che ha raccolto il ringraziamento del presidente Gialuz, rivolto all’Osmer per il lavoro puntuale e preciso in merito alle previsioni meteo; ma “Arpa sosterrà l’evento anche con altre simpatiche iniziative che coinvolgeranno i cittadini in varie zone della città, sempre per sensibilizzare i cittadini a una corretta raccolta differenziata”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

È vero che con il 5G saremo più esposti ai

#VociLibere, #indipendenti e #autorevoli non possono chiudere, perché in un

FROSINONE, ALTA TENSIONE IN CARCERE: FUOCO E FIAMME. DURA PROTESTA

Riguardano l’Osservatorio su Liberi consorzi e Città metropolitane, un piano

Sul Journal of Epatology uno studio del Bambino Gesù condotto

IN AUTOSTRADA PREZZI VIAGGIANO VERSO 2,2 EURO AL LITRO DOMANI

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.