Scoperte nel cervello cellule in grado di ringiovanirlo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
cervello

Si tratta di cellule immunitarie che, se attivate, migliorano memoria e funzioni cognitive
Sono state scoperte delle cellule che potrebbero ringiovanire il cervello, cancellando i segni del tempo sulla capacità di apprendimento e memoria. Isolate in gran numero nel cervello anziano, si tratta di cellule immunitarie (chiamate ‘ILC2s’) che, se attivate, migliorano memoria e funzioni cognitive. La scoperta si deve a scienziati dell’Albany Medical College di New York ed è stata resa nota sul Journal of Experimental Medicine (JEM). Queste cellule potrebbero divenire il bersaglio di nuove terapie per combattere gli effetti del tempo sul cervello, ha spiegato l’autore del lavoro Kristen Zuloaga. Gli esperti conoscevano già le cellule ILC2s: erano state ritrovate in precedenti studi nel midollo spinale, dove stimolano la formazione di nuove fibre nervose dopo una lesione. In questo lavoro gli esperti hanno scoperto che le cellule ILC2s si accumulano nel cervello di topolini anziani, in particolare in un’area chiamata plesso coroideo, vicino all’ippocampo (sede della memoria e area dove nascono nuovi neuroni). Le ILC2s, però, si trovano in uno stato di letargo (quiescenza) nel cervello anziano. Gli esperti hanno visto che riattivandole, i topolini anziani vedono migliorare le proprie abilità di apprendimento e memoria come se il loro cervello fosse ringiovanito. Una volta riattivate, le ILC2s cominciano a produrre una serie di proteine tra cui la cosiddetta ‘IL-5’: gli esperti hanno visto che somministrando IL-5 a topolini anziani le loro performance in apprendimento e memoria migliorano, allo stesso modo di quando vengono risvegliate le ILC2s nel loro cervello. Secondo gli esperti le ILC2s potrebbero suggerire nuove terapie contro malattie neurodegenerative quali l’Alzheimer, considerando che proprio l’età avanzata rappresenta il principale fattore di rischio per queste malattie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

I cristiani veri non seguano chi lancia allarmi e diffonde

PORDENONE – Va alla scrittrice bielorussa Svetlana Aleksievič, Premio Nobel

Nel mio gran girovagare per le scuole, sono capitato all’ISIS

Nella giornata di ieri il personale forestale e di custodia

I prestiti della Banca Europea degli Investimenti (BEI) destinati all’agricoltura,

Bolzano, Pescara e Nuoro sono le città dove gli italiani

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.