ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Scuola, Bucalo: Dalla Azzolina ancora favolette sulle classi pollaio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
azzolina

“Le classi pollaio sono autorizzate dal ministero, la Azzolina che conosce bene la situazione, ad oggi non ha ancora fatto nulla per eliminarle. Adesso intende propinarci l’ennesima favoletta che per abolirle ci vogliono soldi e tempo, ma settembre è ormai prossimo: la scuola deve ripartire in sicurezza. Il responsabile del dicastero ha annunciato che utilizzerà il Recovery fund, ma non ha chiarito, a parte la barzelletta del plexiglas, in che modo intende cominciare il nuovo anno scolastico. I direttori provinciali, hanno già ricevuto e, a loro volta trasmesso disposizioni che le aule vengano costituite con un numero medio di alunni non inferiore a 22. Ma cosa ancora più grave che in Sicilia, nello specifico al Liceo Scientifico di Patti, sono state autorizzate le formazioni di classi con disabili gravi, da 28 alunni. Siamo all’assurdo, si calpestano diritti e umiliano le persone, il tutto in presenza di inequivocabili disposizioni di legge”.

lo afferma il deputato di Fratelli d’Italia Carmela Ella Bucalo, responsabile Scuola del dipartimento Istruzione di Fdi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

PIOMBINO (LI) – Domani, mercoledì 6 maggio in piazza Saragat,

FONDAZIONE EGRI per la DANZA diretta da Susanna Egri e

La sanità rischia di essere l’agnello sacrificale della letteraccia di

“Continuano le fibrillazioni nel centro-destra a solo un anno dalle

polizia

Duro colpo inferto questa mattina a “cosa nostra” a Gela:

C’era una fittissima nebbia la mattina del 14 dicembre 1998,

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.