Sea Watch, Bartolo: “Ci appelliamo alla Corte di Strasburgo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
sea-watch..

Quella a cui stiamo assistendo in queste giornate è una situazione diventata ormai insostenibile. Soltanto nell’ultima settimana a Lampedusa sono sbarcate oltre 100 persone, nel silenzio del governo e senza clamori, mentre a bordo della Sea Watch 3 si è scelto di creare delle condizioni di paura e di incertezza francamente ingiustificabili.

Per questo ci appelliamo con forza alla Corte di Strasburgo, affinché si metta al più presto la parola fine al limbo in cui sono stati relegate le persone a bordo della nave della Ong. Non fatico a immaginare che anche la Corte di Strasburgo possa riscontrare le tante violazioni dei diritti umani che si stanno commettendo in queste ore.

Da un ministro che quelle violazioni le ha messe nero su bianco in un decreto legge, purtroppo, non ci aspettiamo niente di diverso. Da Strasburgo, invece, si”.

Così Pietro Bartolo, europarlamentare PD.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Mercoledì 31 luglio al Santuario della Madonna del Canneto l’atteso

DAL VENETO ALLA CALABRIA, PMI UNITE E ALLEATE PER UN

Viaggiare nell’isola d’Irlanda andando un po’ più in profondità per

Come ogni anno i soliti poltronai della politica non perdono

L’emergenza Coronavirus non modifica i piani della Uefa per l’Europeo

«Oggi il Pd Graziano Delrio ha pronunciato una frase commovente:

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.