Seconda ondata, “il peggio deve ancora venire”: risponde Lopalco

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
maschetina

“Sono sicuro – ha spiegato a Radio Capital – che un’altra ondata come quella di questo inverno non ci sar in Italia”. “Il virus è sempre lo stesso, e se colpisce una persona fragile causa una malattia fragile e la manda in rianimazione, ma è cambiata la quantità di virus che circola. L’epidemia è un incendio che si sta spegnendo: quello che vediamo non sono le fiamme, ma le braci, un po’ di cenere calda che sta continuando a propagarsi. Non è il virus che è cambiato, ma la modalità di circolazione. Ne circola molto di meno”.

Secondo il professor Lopalco, inoltre, nei mesi scorsi c’è stata “una circolazione incontrollata del virus, una situazione che non potrà più ripresentarsi”.

“Saremo sempre in grado di mettere in atto forme di controllo”, ha aggiunto l’epidemiologo, “Dobbiamo solo evitare che il virus acquisti velocità. Ma l’ottimismo è il sentimento giusto in questo momento”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Dopo le roboanti dichiarazioni della prima ora, oggi è possibile

E’ salito a 74 il numero delle vittime del tifone

La chirurgia pediatrica dell’ospedale San Matteo di Pavia ha un

Mentre la Mostra del Cinema viene confermata dal 2 al

«Assurdo che in Italia ci sia ancora la figura ottocentesca

Parte oggi a Bologna la trentasettesima edizione del Salone internazionale

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.