ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Sergio Berlato (FdI-Ecr): «Anche alla polizia penitenziaria servono dispositivi di protezione»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
penitenziaria

«Anziché emanare un decreto svuota carceri sarebbe meglio che le istituzioni si occupassero di tutelare i nostri uomini e le nostre donne della polizia penitenziaria, costretti a lavorare senza alcun dispositivo di protezione individuale. Capiamo la gravità della situazione in cui versiamo, ma dobbiamo tutelare anche chi ci sta proteggendo in questo momento difficile: medici, infermieri, farmacisti, volontari e tutti coloro che si occupano di fronteggiare l’emergenza in prima linea negli ospedali, senza però dimenticarci delle nostre donne e dei nostri uomini in divisa, che da giorni pattugliano le strade. Chiedo pertanto che le istituzioni intervengano al più presto per tutelare anche la polizia penitenziaria, oltre al personale medico e a tutti gli agenti di polizia, dotandola di dispositivi idonei a proteggere anche se stessi mentre svolgono l’arduo compito di proteggere noi». Lo dichiara Sergio Berlato, deputato al Parlamento europeo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Seggi regolarmente aperti stamane in Francia per il primo turno

L’avvio dell`esame del ddl Zan, dopo l`ostruzionismo inaccettabile della Lega,

In tutte le vallate alpine piemontesi, quando le mandrie bovine

gay

“Gli omosessuali sono figli di Dio e hanno diritto a

Ammonta a 53 miliardi il taglio delle spese turistiche in

faraone

Il dibattito sulla legge elettorale è appena iniziato e terrà

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.