Serie A. Il Bologna passa all’Olimpico, Roma battuta 3-2

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
EQLQxeKWAAEHYGb

Due sconfitte di fila dopo il pareggio nel derby per la Roma che si arrende 3-2 all’Olimpico a un ottimo Bologna. La squadra di Mihajlovic ottiene così la terza vittoria di fila e si propone autorevolmente in zona Europa League. Per i giallorossi un brutto segnale dopo il ko di Reggio Emilia, l’Atalanta può completare il sorpasso in chiave Champions. Di nuovo Kolarov titolare, terzino destro è Santon nell’undici di Fonseca. I trequartisti dietro Dzeko, con la squalifica di Pellegrini, sono Under, Mkhitaryan e Perotti. Mihajlovic, per nulla intimorito, schiera il 4-3-3 con Orsolini, Palacio e Barrow nel tridente e Soriano interno di centrocampo. I felsinei impongono ritmo e pressing e trovano il vantaggio dopo lo scaramucce iniziali. Al 16′ cross di Barrow, Smalling chiude su Palacio ma lascia passare il pallone che arriva a Orsolini per un comodo tocco di piatto. Roma intontita, Svanberg sciupa il colpo del raddoppio. A riportare nel match i giallorossi ci pensa una goffa deviazione di Denswil che interviene male sul cross di Kolarov e batte il suo portiere (22′). L’insperato pareggio dà energia alla Roma, che prova a sfondare sulla sinistra con l’asse Kolarov-Perotti. Ma anche la fascia sinistra del Bologna funziona bene. Al 26′ Barrow punta Santon e colpisce a giro, la deviazione del difensore beffa Pau Lopez, felsinei di nuovo avanti. E sempre padroni del gioco. Orsolini offre a Svanberg un pallone invitante, lo svedese è ancora impreciso. Palacio si muove a destra su contropiede che taglia la difesa, il suo tiro facilita l’intervento di Pau Lopez. La Roma non rientra dagli spogliatoi più reattiva, gli ospiti sono invece sempre carichi e concentrati. Al 51′ Barrow (che dà molto sostegno alla difesa) parte a sinistra dalla sua metà campo, arriva incontrastato al limite dell’area, salta Mancini e trafigge Pau Lopez: doppietta personale e 1-3. Fonseca cambia in rapida successione la catena di destra: Carles Perez per Under e Bruno Peres per Santon. I giallorossi ora ci mettono la grinta. Proprio Perez riesce a farsi spazio sul vertice dell’area, Skorupski blocca in due tempi. Il Bologna fatica a uscire sulla pressione. Così (72′) su ennesima palla recuperata nella trequarti felsinea, Dzeko allunga per Bruno Peres che crossa dalla linea di fondo, Mkhitaryan in anticipo di testa riduce le distanze. Roma tambureggiante, ci provano Dzeko e Smalling. Fonseca sbilancia la squadra alla ricerca del pari: Kalinic per Veretout. Il tempo di vedere una bella girata di Dzeko che Skorupski contiene in qualche modo, poi Cristante lascia i suoi in dieci (80′) per il rosso diretto a causa di un brutto intervento su Orsolini. La Roma ci prova nonostante l’inferiorità. Rischia su un contropiede 4 contro 2 sciupato dai felsinei, nel recupero Skorupski salva due volte su Dzeko.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

E’ necessaria una missione della Ue in Libia, che possa

Conca (M5S): “Emiliano continua a ignorare le nostre proposte per

In occasione del Global shopping Festival dell’undici novembre il marketplace

Gestione della rete stradale marchigiana da parte dell’Anas, Casini: “Verrà

Sul corridoio filoviario della mobilità Eur Laurentina-Tor Pagnotta circoleranno la

Il Sassuolo cala il poker e stende la Roma nell’anticipo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.