Si azzuffano in Europa i rappresentanti degli Stati membri in una vera e propria caccia alla poltrona

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
europa

La discussione non verte minimamente sulle idee economiche da seguire, ma su questioni di potere.

Il quadro che ne esce è quello di un’Europa inutile e frantumata. Dopo un’esperienza quarantennale nella quale l’idea del neoliberismo predatorio, secondo cui la ricchezza deve essere nelle mani di pochi o degli Stati più forti e la miseria deve dominare tra molti e negli Stati più deboli, ha dato i suoi tristissimi risultati.

Si tratta certamente di un sistema che non funziona. Ed è indispensabile tornare a un sistema economico produttivo di stampo keynesiano, sia pur con le opportune modificazioni.

Purtroppo questo non lo capisce nessuno per cui si trovano di fronte, da un lato gli Stati tradizionalisti, che vogliono continuare nella loro azione di predominio, che si realizza nel violare (da parte della Francia sistematicamente e da parte della Germania per 5 anni consecutivi i limiti di Maastricht, nonché, da parte della, Germania nel non aver denunciato il suo surpluss commerciale, dimostrando inconfutabilmente che ella non vuole la parità economica fra gli Stati, ma il predominio dell’asse Franco-Tedesco sugli altri membri dell’UE); e dall’altro i cosiddetti Stati sovranisti (ma i veri sovranisti sono Francia, Germania e Olanda), i quali, non hanno idee chiare e non capiscono che il loro ruolo dovrebbe essere quello di ripristinare il sistema economico produttivo ed egualitario di stampo keynesiano. In sostanza sono anch’essi dei neoliberisti, capaci di far la guerra e del tutto incapaci di costruire una vera federazione europea.

Questo è il punto essenziale da cui non si può evadere. Un’Europa che non conosce queste idee è semplicemente inesistente. Soltanto la Costituzione della Repubblica Italiana offre una guida sicura in proposito. È l’articolo 11 secondo il quale “l’Italia consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”.

Che il Governo italiano si faccia per lo meno portatore di questo sano pensiero che, solo, potrebbe creare una vera Unione Europea.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Matteo Salvini lancia l’offensiva della Lega contro le misure di

Governi e ministri, è noto, vanno e vengono. Capi di

Il presidente della Regione Mario Oliverio ha concluso i lavori

Dietro allo scandalo dei camici del cognato di Fontana Report

Situazione aggravata da Covid, da Fondo Nazionale Povertà 35,5 milioni

Il Partito democratico sta dando un contributo fondamentale per la

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.