ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Si è ottenuta la riduzione dei seggi parlamentari a 600

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
morra

Non finisce qui, anzi.

Ora:
A) reintroduzione delle preferenze in una legge elettorale a forte impianto proporzionale -piuttosto anche le leggi elettorali delle regioni dovrebbero essere ispirate a tale modello, per evitare schizofrenie di sistema-;
B) forte riduzione degli emolumenti da conferire ai parlamentari (e conseguente riconsiderazione degli emolumenti conferiti a chi rappresenta i cittadini in Regioni ed altri organismi elettivi), con la contrattualizzazione dei collaboratori degli stessi da parte delle Camere di appartenenza con rapporti di lavoro gestiti direttamente dallo Stato piuttosto che dai singoli parlamentari;
C) ripensamento di enti territoriali e locali in cui si articola lo Stato sul territorio, con attenzione alle esigenze dei cittadini e delle comunità più deboli, e soppressione di ciò che non ha ragion d’essere alcuna.

Non è che l’inizio.
E per questo dobbiamo ragionare stando uniti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Duro affondo di Paragone al M5S. «È morto. Ha perso

La fotografa e autrice Sara Melotti racconta le storie dei

Covid-19, interventi per i comparti del turismo e della cultura.

La consegna di pasti a domicilio grazie ai rider in

“Regalo 1 miliardo di yen a 1000 follower”. Il magnate

6 luglio – 10 settembre 2021   Una produzione LAC Lugano

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.