SIGARETTE ELETTRONICHE: SECONDA VITTIMA NEGLI STATI UNITI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
elettroniche

CODACONS CHIEDE A MINISTERO DELLA SALUTE INDAGINI URGENTI IN ITALIA E MISURE RESTRITTIVE SULLA BASE DEL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE

Dopo la seconda vittima da sigarette elettroniche registrata negli Stati Uniti, il Codacons chiede al Ministero della salute di avviare subito indagini urgenti in Italia e valutare l’adozione di misure restrittive a tutela della salute dei cittadini, specie dei più giovani, sulla base del principio di precauzione.

“La notizia della seconda morte causata dalla sigaretta elettronica e di altre 200 persone che hanno sviluppato malattie respiratorie negli Stati Uniti a causa di tale prodotto desta grande preoccupazione – afferma il presidente Carlo Rienzi – Per tale motivo chiediamo al Ministero della salute di avviare con urgenza indagini sul territorio mirate ad accertare se nel nostro paese vi siano fumatori di sigaretta elettronica che abbiano sviluppato sintomi analoghi a quelli registrati negli Stati Uniti. Servono inoltre provvedimenti basati sul principio di precauzione e tesi a tutelare la salute pubblica, specie quella dei più giovani che sempre più numerosi si avvicinano a tale tipologia di sigaretta” – conclude Rienzi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sanità, turismo, enti locali, infrastrutture, lavoro e vertenze collegate. Sono

Trieste  – Il potenziamento dei collegamenti tra il Friuli Venezia

Seconda edizione Dal 4 al 14 agosto 2019 dieci giorni

Cisl Fp Lazio: “Stop alla violenza nei posti di lavoro,

IRRESPONSABILE CHI SPECULA E CHI FA DISINFORMAZIONE SULLA SALUTE DEI

Questa mattina, per affrontare al meglio le problematiche legate alle

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.