Singapore: la Svizzera dell’Asia, la città del futuro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
PSX_20191207_171949

Di Benedetta Baudone – Per concludere il nostro viaggio in Malesia abbiamo scelto di trascorrere 3 giorni a Singapore, la città-Stato considerata la Svizzera dell’Asia. Dista solo 50 min di volo da Kuala Lumpur e si visita bene in pochi giorni.

Oltre ad essere ordinata, piena di negozi di moda e di architettura all’avanguardia è anche piena di strade colorate, templi bellissimi e mercati. Questo è il risultato di un mix di culture (cinesi, malesi, indiane e occidentali) che convivono in maniera perfettamente armonica.
Una città ultramoderna e futuristica, ma anche e soprattutto multiculturale!

Le cose interessanti da vedere sono tante ed i suoi quartieri sono uno più bello e caratteristico dell’altro, tanto che si ha la sensazione di cambiare paese ad ognuno!

I quartieri da non perdere:
Kampong Glam e Bugis
Il suo nome deriva dal malese kampung= villaggio e gelam= un albero che un tempo era tipico del posto. È proprio qui che la sensazione di cambiare realtà culturale in pochi passi è stata maggiore. Prima passeggi tra i negozi e i locali alla moda della Haji Lane, una delle strade più famose e colorate di Singapore piena murales bellissimi, un attimo dopo ti trovi nel cuore islamico di Singapore davanti la Sultan Mosque, una moschea che mi ha ricordato tantissimo il palazzo di Aladdin.

Little India e Arab Street
Questo quartiere mette allegria, soprattutto se la visita parte dalla House of Tang Teng Niah, un’antica residenza dai colori pastello particolarmente sgargianti. E’ una zona perfetta per chi ama lo shopping più autentico, si possono trovare infatti negozi che vendono tessuti indiani o arabi, negozi di arredamento e bancarelle che vendono collane di fiori e statuette colorate. Il tutto accompagnato da musiche bollywoodiane.

China Town
Altro quartiere pittoresco e perfetto per acquistare i souvenir più originali ad un prezzo veramente basso. Qui si trova il tempio Buddhista che mi è piaciuto tantissimo, il Buddah Tooth Relic Temple e quello Hindu Sri Mariamman Temple.

Marina Bay
La parte più iconica di Singapore, dove predomina l’omonimo palazzo che riproduce la forma di una barca. Un complesso architettonico che è diventato il simbolo della città, ospita al suo interno un centro commerciale, un casinò e il resort con la famosa piscina a sfioro di 150 m, purtroppo accessibile solo se si è ospiti dell’hotel. Si può comunque ammirare da lontano salendo fino allo SkyBar, come abbiamo fatto noi. Proprio dietro ci sono i Gardens by the Bay, i giardini futuristici più famosi di Singapore. Da vedere assolutamente, meglio ancora se durante lo spettacolo di luci! A rendere il tutto ancora più suggestivo è la Singapore Flyer, la seconda ruota panoramica più grande al mondo. È un quartiere molto elegante e pulito ma anche il più turistico.

Orchard Road
Per chi invece preferisce fare shopping tra mega centri commerciali e palazzi lussuosi Orchard Road è il quartiere giusto. Nel piano terra dei centri commerciali si trova anche la zona food, con una vasta scelta di ristorantini in cui mangiare. Qui si trovano anche i Singapore Botanic Gardens, 74 ettari di verde nel mezzo della città pieni di una quantità infinita di piante. Nel 2015 sono stati inseriti nel patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Clarke Quay
Fa parte del Colonial District come Marina Bay, è famoso soprattutto per la sua vita notturna, ci sono molti club, ristoranti e locali. Si può fare anche una crociera panoramica sul fiume.

Dal Blog “I Viaggi son Ciliegie” https://iviaggisonciliegie.it/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

CODACONS: INDAGARE PER TENTATA STRAGE. SPRAY VA EQUIPARATO AD ARMI,

“La Presidenza del Consiglio smentisce tutte le ricostruzioni, apparse questa

“A proposito di posti di lavoro, la Fiat. La Fiat

Bagnoli che verrà: svegliarsi al mattino dopo aver sognato, e

TUTTE LE NORME PER IL RILASCIO DELLE LICENZE Dal 4

È tutta questione di… povertà mentale. In questi recenti giorni

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.