Sinistra e sovranismo. Storia di stelle cadenti e di meteore divenute astri polari

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
2ae429b4c1cd591f2c458b76f0cd7263_XL

In un momento in cui la Lega rappresenta la principale forza politica nel paese ci sembra doveroso pubblicare la recensione che segue sebbene dal nostro punto di vista il guaio della sinistra non consiste nell’essere stata prigioniera degli schemi del marxismo. Con la disfatta dei paesi socialisti dell’89-91, è stato buttato frettolosamente alle ortiche l’insegnamento di Marx (e di Lenin, Gramsci ecc.) e, priva di un’armatura ideologica, la sinistra è stata incapace di resistere e reagire sia all’offensiva liberista sia a quella dei vari populismi. Il problema, dunque, è stato disertare il campo del migliore marxismo, che ci avrebbe permesso di analizzare il fenomeno e di dedurne una strategia politica, abbandonandoci o a un eclettismo che inevitabilmente ci ha portato a sposare le politiche liberiste, o – all’opposto – rimanere ancorati a un marxismo dogmatico, che non può aiutarci a ricostruire una sinistra anticapitalista e antimperailista.

Dopo aver scritto negli anni ’90 ben tre saggi sul leghismo (“I nuovi razzismi: miserie e fortune della Lega lombarda”, “Il tarlo delle leghe” e “Sinistra e Lega: processo a un flirt impossibile”), Vittorio Moioli, vecchio militante della sinistra, nel luglio scorso ha postato su Internet un suo nuovo lavoro sull’argomento: “Sinistra e sovranismo. Storia di stelle cadenti e di meteore divenute astri polari”. Un saggio, come dice l’autore nella premessa, steso con fatica e sofferenza, giacché avrebbe preferito non scriverlo.

Moioli passa in rassegna con meticolosità la prassi dei leghisti negli ultimi tre decenni e la confronta con i deliberati congressuali della sua fondazione con l’obiettivo di dimostrare:
a) come la natura neoconservatrice, antidemocratica ed eversiva di questo movimento non sia affatto una novità, ma appartenga al suo Dna;
b) come la gran parte delle forze progressiste e di sinistra abbiano irresponsabilmente sottovalutato, sin dalla sua nascita, questo carattere del leghismo, l’abbiano considerato un fenomeno localistico, trascurando le sue potenzialità a livello nazionale e internazionale, e si siano illuse di poterlo integrare nel vecchio sistema politico omologandolo istituzionalmente.

L’autore critica in particolare la sinistra per non aver assimilato che leghismo e populismo non sono la causa, bensì il prodotto della crisi del sistema politico e dell’ordinamento sociale esistente i quali non corrispondono alle aspettative di larga parte della comunità, anzi ne mortificano bisogni e aspirazioni.

Il consenso alla Lega e ai movimenti populisti, salvo per una ristretta cerchia di devoti e di beneficiari, non è frutto di un’adesione convinta ai programmi e ai propositi di queste forze, bensì è soprattutto l’espressione di una insoddisfazione generale e della dilagante sfiducia nelle formazioni politiche tradizionali, anche se oggi si presentano all’elettorato in veste rinnovata. Larga parte degli individui è spaesata, sfiduciata, non si sente più a suo agio entro i vecchi schemi politici e in assenza di un soggetto innovatore affidabile o si rifugia nel privato, e si astiene dal voto, o per disperazione dà il suo assenso a chi promette libri dei sogni. La Lega ha raccolto voti agitando quattro questioni: migrazioni, sicurezza, tasse e pensioni; il M5s ha puntato sulla novità e sul reddito di cittadinanza. Molti elettori hanno dato il consenso a queste formazioni sperando in una svolta, senza rendersi conto che la cura che questi movimenti propinano produce effetti che sono peggiori di quelli causati dalla malattia.

Come l’autore sostiene nelle conclusioni, le forze di sinistra e progressiste hanno la responsabilità di non aver contrastato questa deriva e di essersi loro stesse omologate al processo d’involuzione. La loro debolezza ha origine proprio nella rinuncia alla loro alterità e al rigore intellettuale e morale.

C’è un dato inconfutabile che prova essere sterile l’azione della sinistra nei confronti del sovranismo e del populismo: l’incapacità di far leva sull’incompatibilità genetica di Lega e M5s. È questa una contraddizione esplosiva, eppure nessuno ha avuto l’ardimento e la capacità di farla esplodere. Se esiste un’analogia fra i Paesi dell’Est europeo a trazione sovranista e l’Italia, essa è costituita dalla debilità delle opposizioni. E questo dimostra che anche il popolo di sinistra, il soggetto primario dell’antagonismo al sistema, è stato anestetizzato.

C’è chi giustifica l’impotenza politica delle espressioni progressiste e di sinistra con la crescita delle destra in tutto il mondo senza tenere conto delle proprie responsabilità. Non va dimenticata a questo riguardo – sostiene l’autore – la lezione degli anni ’20 e ’30 in Europa. Le condizioni di oggi, ovviamente, sono molto differenti rispetto al passato, ma alcune analogie esistono. Come al tempo in cui liberali, cattolici e centristi si illudevano di poter contenere l’avanzata di fascisti e nazisti integrandoli istituzionalmente nel sistema, fino a ieri da noi sono stati in molti a credere che il leghismo potesse avere la sorte dell’Uomo qualunque e venisse assorbito dal sistema. Anche a quel tempo, in particolare dopo la crisi economica del ’29, serpeggiava negli strati sociali malessere e sfiducia nelle élite politiche e pure era presente un anelito di identità nazionale che cementasse la comunità. E non si dimentichi che proprio l’Italia ha fatto scuola in Europa. Il primo Paese ad espellere le “persone di razza ebraica” dalle scuole di ogni ordine e grado, nonché dalle università e dalle accademie, non è stata la Germania di Hitler, ma l’Italia di Mussolini.

Alla base di qualsiasi proposito di combattere in modo vincente il sovranismo ci deve essere l’idea di un nuovo assetto socio-politico e istituzionale.

Non è sufficiente mettere in campo un’azione politica polemica e di semplice contrasto del fenomeno, ma occorre risalire alle cause complesse e antiche che lo hanno generato. In quest’ottica alla sinistra – sostiene Moioli – spettava e spetta il compito di rivisitare la sua storia, cogliere le sue incoerenze e mettere a punto un moderno progetto di cambiamento. A questo riguardo egli ha dedicato tre saggi :“Incoerenze e ‘buchi neri’ della sinistra”; “Oltre la delega e la politica” e “Ulteriori considerazioni sulla crisi della sinistra”, tutti rintracciabili in Internet. In essi egli sostiene che la sinistra, non solo italiana ma quella mondiale, è rimasta prigioniera degli schemi del marxismo e ha ignorato i dettami e lo spirito dello stesso fondatore del socialismo scientifico, dimostrandosi incoerente con il pensiero marxiano a riguardo della trasformazione economica, della messa in campo di una nuova statualità e del protagonismo degli individui, nonché della formazione di una nuova coscienza sociale.

Per combattere il sovranismo e il populismo la sinistra deve compiere una correzione di rotta su tutti questi aspetti. Diversamente, a risultare emarginata sarà lei.                                                                                  fonte  https://www.lacittafutura.it/recensioni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

la domanda è legittima e questo è un atto dovuto.

La Confederazione USB sostiene con forza la nostra delegata sindacale

SECONDARY TICKETING, CODACONS: SITI VANNO OSCURATI IMMEDIATAMENTE, SERVE MODIFICA NORMATIVA

ROMA. È un Francesco Totti visibilmente commosso ed emozionato, quello

marcozzi

” L’ASSESSORE DIMOSTRA DI NON CONOSCERE LA DIFFERENZA TRA ZES

Ripulito dai rifiuti un suggestivo tratto del “Percorso delle Tre

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.