ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Spettacolo: in Piemonte 3mila lavoratori a chiamata rischiano di essere esclusi dalla cassa integrazione in deroga

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
spettacolo-

Lettera all’assessore al Lavoro Chiorino e al direttore dell’Inps regionali da sindacati e associazioni dello Spettacolo

Tremila lavoratori intermittenti dello spettacolo in Piemonte potrebbero essere esclusi dalla cassa integrazione in deroga nonostante siano in possesso dei requisiti previsti. Lo denunciano i sindacati dello spettacolo, Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil con Agci Cultura Italia, Confcooperative Cultura, Legacoop Culturmedia, in una lettera inviata all’assessore al lavoro Elena Chiorino e al direttore Inps Piemonte Emanuela Zambataro. “E’ del tutto evidente – spiegano sindacati e associazioni – che lo scoppio dell’emergenza Covid-19 abbia determinato l’immediata cessazione delle attività di spettacolo in tutta la Regione, compresi i lavoratori a chiamata, che sia nello spirito dell’accordo regionale che in quello della circolare Inps n. 47, dovrebbero essere ricompresi nella possibilità di accedere agli ammortizzatori sociali ma che, nei fatti, oggi non lo sono, vanificando in parte la validità dell’accordo già siglato”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

A raccontare le proprie paure, in un’intervista ad AFP, è

Il 28 aprile andrà in scena la maratona di Londra.

Lavoro e tutela ambientale devono diventare compatibili. La Regione supporti

Guido Migliozzi e Francesco Molinari staccano il pass per i

La temperatura cresce in Italia più che in altre parti

“Radio Esercito”, emittente radiofonica di intrattenimento, nata inizialmente come mezzo

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.