“Spugne” impregnate di ftalati, Pfas, pesticidi e altre sostanze altamente tossiche

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
78483897_2871496956215373_4894114855834877952_o

Ecco come vengono definiti i cittadini europei da un recente biomonitoraggio condotto dall’European Environmental Bureau (EEB), il più grande programma europeo di screening sul livello di contaminazione umana causata da sostanze chimiche nocive. Veleni che provengono da processi industriali ad alto impatto ambientale come, ad esempio, la filiera della concia delle pelli, la produzione di carta e cartone per uso alimentare, la fabbricazione di materiali antiaderenti per la cucina e di tessuti idrorepellenti per l’abbigliamento tecnico.

Rilasciati nell’ambiente, gli elementi tossici contaminano l’aria, l’acqua e il suolo, avvelenando anche gli alimenti che portiamo sulle nostre tavole. Nonostante siano circa 1.400 le componenti chimiche classificate dalle normative europee come pericolose per la salute umana, sono soltanto 43 quelle realmente sottoposte a rigorosi controlli, mentre nella gran parte dei casi le aziende infrangono le leggi, le aggirano o sfruttano vuoti normativi.

La politica ha il dovere di tutelare i consumatori, ma siamo noi cittadini ad avere in mano lo strumento più forte di tutti: la possibilità di scegliere uno stile di vita ecosostenibile, acquistando solo prodotti ecologici, biologici, certificati e provenienti da filiere responsabili!

Tessa Gelisio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Accolto dai cori “non mollare”, il presidente del Consiglio, Giuseppe

Aumenta di 9 volte (+900%) la quantità di grano importata

“Gabriele D’Annunzio è stato il più grande testimonial dell’Abruzzo nel

Matteo Orfini non è uno qualunque. Fino al marzo scorso

“Due percorsi alla scoperta del territori del Brachetto d’Acqui e

Il presidente di Assolombarda Carlo Bonomi ha ragione a chiedere

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.