ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Stadi, adesso è il tempo del coraggio di cambiare

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
stadio-

Il Coronavirus ci costringe a rivedere le nostre abitudini sociali, compresa la fruizione di mezzi pubblici, cinema, ristoranti e anche stadi. La maggior parte degli impianti italiani risale all’inizio del Novecento: il regime fascista fu piuttosto abile nell’usare il calcio per infondere nel popolo amor patrio e senso di unità nazionale.

Dei 17 stadi nei quali si gioca la Serie A solo cinque sono appartengono ai club locali, mentre gli altri sono di proprietà pubblica: 11 sono dei rispettivi comuni e l’Olimpico di Roma del CONI. È comunale anche il più affascinante: San Siro, che difficilmente arriverà a festeggiare il suo Centenario nel 2026, anno di Giochi di Milano-Cortina. Da tempo, Milan e Inter stanno lavorando al controverso progetto di un nuovo impianto.

Negli stadi del futuro andrà risolto il problema del distanziamento, attualmente impraticabile. La riduzione della capienza era già una necessità commerciale, ma ora diventa anche una questione di sicurezza. Non è difficile immaginare le tribune con una diversa disposizione dei posti, la criticità riguarda le “curve” che da sempre sono zone franche dove non solo si sta in piedi, ma spesso si verificano spaccio e altri reati. Più inchieste hanno confermato la connivenza di diversi club con frangie di “ultras” infiltrate dalla criminalità.

Il tema non è nuovo: sono passati esattamente trent’anni da quando l’Inghilterra ha introdotto nuove regole all’interno degli stadi, di fatto liberandoli dalle tifoserie organizzate e ponendo le basi per la nascita della Premier League, il campionato più ricco del mondo.

Noi, al contrario, siamo rimasti fermi ai disastri di Italia ’90. Da allora, il problema è già stato sollevato più volte, ma con esiti nulli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sono 265 le aziende recensite quest’anno tutte accomunate da altissima

Il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, ha sottolineato l’impegno

Due sconfitte di fila dopo il pareggio nel derby per

Bolsonaro vuole nominare il figlio come ambasciatore negli USA perché

Il segretario generale dell’Ocse, Angel Gurria, ha risposto così in

Le fototrappole con tecnologia di ultima generazione si autoalimentano mediante

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.