Stiamo lavorando per affermare, sempre di più, l’orgoglio di lavorare per il corpo della Polizia Locale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
polizia

Un percorso che si compone di tanti tasselli, tra cui le mille nuove assunzioni già definite e le altre 300 in arrivo che stanno consentendo un vasto ricambio generazionale. Per questo è fondamentale un monitoraggio oculato e permanente, finalizzato a individuare e a contrastare condotte illecite che danneggiano l’ampia maggioranza degli agenti, impegnati ogni giorno con onestà e dedizione sulle strade dei nostri quartieri.

Voglio quindi ringraziare la Procura di Roma, il Commissariato Fidene della Polizia di Stato e gli agenti della Polizia Locale del Gruppo Nomentano che, tramite un lavoro integrato, hanno permesso di avviare le indagini su un funzionario della Polizia Locale tratto agli arresti domiciliari e nei cui confronti si ipotizzano i reati di corruzione e di traffico illecite di influenze.

Se i fatti contestati verranno accertati, ci troveremmo davanti comportamenti inaccettabili. Soprattutto perché rappresenterebbero un danno enorme per l’amplissima maggioranza del corpo, che opera silenziosamente con etica e trasparenza.

La notizia di oggi testimonia come la Polizia Locale, anche grazie al percorso di valorizzazione e rigenerazione che abbiamo messo in campo, stia sviluppando anticorpi solidi ed efficaci. Non c’è e mai ci sarà spazio per chi intende abusare del proprio ruolo, dimenticando di aver assunto un preciso impegno nei confronti di tutta la comunità cittadina.

Antonio De Santis
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Lo dico da giornalista e lo dico da politico, stiamo

Questa primavera si sta rivelando particolarmente critica per gli allergici:

“I segnali sono positivi, ma siamo ancora in Fase 1”.

Non solo le aziende e le partite Iva. Anche i

Le persone con malattie croniche e rare sperimentano sulla loro

Al sud stanno comodamente a casa magari con il reddito

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.