Stintino dice sì al paesaggio culturale della Sardegna nell’Unesco

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
museo

Durante l’ultima seduta consiliare del 2020 approvato anche il debito fuori bilancio per i lavori nella scuola elementare.

Stintino  – C’è anche il Consiglio comunale di Stintino tra i 307 comuni della Sardegna che dicono sì alla mozione per il riconoscimento del paesaggio culturale della Sardegna nell’Unesco. E’ quanto emerge dall’ultima seduta del 2020 dell’assemblea civica durante la quale è stato dato anche il via libera al riconoscimento del debito fuori bilancio per la messa in sicurezza delle aule delle scuole elementari e materne di via Lepanto.

Il Consiglio comunale quindi dice sì alla mozione sul riconoscimento da parte dell’Unesco del paesaggio culturale della Sardegna e la definizione del suo territorio quale “museo aperto”.

«Si tratta di una mozione che sta approdando in tutti i comuni della Sardegna – ha spiegato il primo cittadino Antonio Diana – e viene chiesto l’impegno delle amministrazioni per dare maggiore forza all’iniziativa. La Sardegna è ricca di siti nuragici, e anche Stintino non è da meno. Sono stati censiti 5 villaggi nuragici, mentre uno è scomparso nel tempo. Quello di Casteddu è integro e sepolto e merita attenzione. Con il 2021 vorremmo avviare un percorso per la sua riscoperta».

Quella per la scuola è una somma di poco inferiore ai 13 mila euro che era servita per alcuni lavori di muratura e per la messa in sicurezza delle aule. Un’opera che si era resa necessaria a seguito di un sopralluogo effettuato all’inizio dell’anno scolastico.

«In quella occasione – ha ricordato l’assessora alla Pubblica istruzione Antonella Mariani – nella predisposizione delle aule per l’avvio dell’anno scolastico erano state riscontrate alcune sottili lesioni in alcune aule nello stabile che hanno convinto l’ufficio tecnico comunale a chiudere precauzionalmente le aule per effettuare una ricognizione generale dell’edificio». Era quindi emersa la necessità di interventi immediati, per consentire poi l’ingresso dei piccoli alunni.

I lavori avevano comportato la revisione completa di intonaci, l’asportazione delle zone pericolanti, il consolidamento e ripresa di alcune zone per rifare intonaco, rasatura e tinteggiatura. Si era proceduto, poi, alla messa in sicurezza di aule e corridoi quindi alla rifiniture dell’intonaco e alla tinteggiatura di alcune pareti. Infine, alla pulizie di aule e androne alla fine dei lavori.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Le misure più restrittive della zona arancione colpiscono più di

Carlo Calenda, leader di Azione, ha analizzato a tutto tondo

Femminicidio, revenge porn, vittim blaming, ma non solo. Sono tanti

Audrey Hepburn raccontata dalla giornalista-attrice Margherita Lamesta Krebel Audrey Hepburn,

Documento approvato dalla Direzione nazionale di Articolo Uno riunita oggi

“Leggo che qualche attivista del partito di Di Maio, in

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.