ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Su #Erdogan, sulle sue responsabilità, sulle inaccettabili provocazioni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
erdogan

In seguito alla mobilitazione francese contro l’attacco terroristico di matrice islamista del 16 ottobre 2020, nel quale un professore è stato decapitato per aver mostrato in classe vignette del famoso giornale satirico “Charlie Hebdo” sulla libertà d’espressione e di religione, il presidente della Turchia Erdogan ha rilasciato una serie di dichiarazioni inaccettabili riguardo il presidente Macron e la Francia, esortando i fedeli musulmani al boicottaggio di prodotti francesi e accusando “l’Occidente di voler ripetere le Crociate”. Il 29 ottobre 2020 diversi attentati terroristici sono stati compiuti in Francia, tra cui la drammatica decapitazione di una donna di settant’anni e l’uccisione di altre due persone nella cattedrale di Nizza. Tali attacchi sono palesemente frutto di una retorica che va contro i principi e i valori fondanti della nostra società, come libertà di espressione e democrazia.

Alla luce di ciò si chiede all’AR/VP:
– come intende agire in via diplomatica per difendere uno Stato membro dell’Unione, e i principi democratici su cui l’Unione è fondata, dai discorsi provocatori del presidente Erdogan?

Pina Picierno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

fedeli

“Anche l’Europa individua nella misurabilità il criterio in base al

“Un importante passo avanti nelle relazioni sindacali con i soggetti

Prima di tornare in Italia però volevo aggiornarvi sui lavori

“Non è una corrente, ci tengo a sottolinearlo. Non ho

papa

Da anni Papa Francesco ha avviato una battaglia interna al

bianchi

La nostra scuola sta ritrovando se stessa e l’anno prossimo

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.