SULLA SICUREZZA NELLE SCUOLE NESSUN COMPROMESSO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
scuopla                                      62394385_612337045938541_5758002060901482496_n

IRRESPONSABILE CHI SPECULA E CHI FA DISINFORMAZIONE SULLA SALUTE DEI RAGAZZI E DEI LAVORATORI –

L’Amministrazione Tomasi ha da tempo varato un importante piano sicurezza che ha già portato alla verifica di 27 scuole in due anni, contro le 4 dei quindici anni precedenti.

L’attenzione particolare verso il tema della sicurezza rappresenta un valore non negoziabile oltre che prescritto dalla legge rispetto alla quale le precedenti amministrazioni erano state inadempienti con grave rischio per la salute dei ragazzi e dei lavoratori delle scuole pistoiesi.

Come già capitato in vari plessi tra cui Bonelle a seguito delle verifiche tecnico – statiche sull’edificio dove ha sede la scuola di Capostrada, costruita nel 1960, sono emerse criticità insormontabili.

l’Amministrazione ha quindi prontamente convocato il Dirigente ed i Genitori ed ha prospettato alcune ipotesi di soluzione per la sistemazione delle cinque classi di Capostrada dal momento che qualsiasi intervento strutturale non sarebbe, come evidenziato dai tecnici, sufficiente a garantire la sicurezza dei ragazzi e dei lavoratori.

La sintesi è stata trovata nello spostamento delle classi nelle scuole del Belvedere, in un blocco autonomo, al fine di rispettare l’unitarietà della scuola.

Purtroppo in queste ore e nei giorni precedenti si devono registrare i comportamenti di alcuni irresponsabili, apprendisti stregoni della politica, che soffiano irresponsabilmente sul fuoco dei disagi causati dalla necessità di modificare le proprie abitudini di alcuni genitori e diffondono notizie false.

Rispetto a questi disagi è necessaria una operazione di chiarezza e contro – disinformazione: le verifiche statiche e sismiche sono prescritte dalla legge per evitare che succedano tragedie come quella del ponte Morandi e questa amministrazione si trova a doverle fare adesso perchè chi è venuto prima ha preferito infilare la testa sotto la sabbia per non affrontare il problema.

Ora la musica è cambiata: la sicurezza dei ragazzi e dei lavoratori prima di tutto, anche del “consenso facile”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Un altro omicidio, un’altra vittima un drammatico caso di #femminicidio

l 21 dicembre scrivevo su Atlantico della crisi del governo

Un partenariato fra Provincia autonoma di Trento e CONI che

Sulla riapertura del 3 giugno gravano molte incognite «con il

Il Washington Post ha pubblicato tre giorni fa i risultati

La pioggia a dirotto che batte su Milano non ha

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.