SULLE TRACCE DEL CRIMINE. VIAGGIO NEL GIALLO E NERO RAI. LA MOSTRA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ANDREA CAMILLERI LUCA ZINGARETTI

Un ricco percorso per immagini racconta come la Rai ha trasformato il genere giallo e investigativo in oltre 60 anni, partendo dagli sceneggiati storici fino alle grandi serie TV

Resterà aperta al Museo di Roma in Trastevere fino al 14 marzo 2021 “Sulle tracce del crimine. Viaggio nel giallo e nero Rai. La mostra”, una grande mostra di Rai Teche che, attraverso immagini dell’archivio Rai, ripercorre la storia di un genere, il giallo e noir investigativo, che parla a tutte le generazioni e comincia con i grandi sceneggiati per arrivare allo streaming video delle più avvincenti serie crime di oggi. La mostra multimediale consta di 200 fotografie, in bianco e nero e a colori, tratte da circa 80 sceneggiati e serie tv, di 5 installazioni video e alcune postazioni sonore e sarà organizzata secondo un percorso suddiviso in blocchi cronologici e capitoli tematici. L’ allestimento grafico sarà caratterizzato da pannelli artistico-informativi che conterranno lo “spirito del tempo” attraverso l’esposizione di schede storico-critiche e curiosità sui singoli programmi, riproduzioni tratte dal Radiocorriere, articoli di quotidiani e riviste dell’epoca. Una stanza sarà interamente dedicata alla visione delle sigle televisive dei programmi più popolari. A corredo dell’esposizione curiosità e memorabilia, reperti storici ed elementi scenografici realizzati ad hoc

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’Assemblea Capitolina ha approvato la mozione n. 193 del 2019,

Azzolina e Briatore: quante persone conoscete più diverse per storia

La ristorazione italiana rischia un crack da 34 miliardi nel

# Al via a Berna (Svizzera) la mostra “Beyond Laughter

Arriva la prima misura di smantellamento della riforma del lavoro

Il gruppo Benetton continua nella sua difesa a oltranza, approfittando

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.