Tabagismo, assessore al Welfare: contrasto è sfida importante per nostro sistema sanitario

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Close-up Of A Woman's Hand Holding Broken Cigarette

La lotta al tabagismo è al centro delle azioni di prevenzione messe in campo da regione Lombardia. Lo ha confermato l’assessore al Welfare che oggi, ‘Giornata internazionale Senza Tabacco, ha partecipato a due iniziative specifiche come ‘Play, Don’t Smoke’ al Fatebenefratelli insieme al ministro dell’Istruzione e a 300 giovani studenti lombardi, e il workshop ‘La prevenzione e il trattamento del tabagismo in Lombardia nel Piano Regionale di Prevenzione: la salute delle comunità, la cura delle persone’.

CIRCA 800.000 PERSONE COINVOLTE IN PROGRAMMI REGIONALI- La Regione nel Piano di prevenzione 2015/19, ha messo in campo una molteplicità di azioni per sostenere la salute delle persone nelle diverse fasi della vita. Iniziative come ‘Luoghi di lavoro che promuovono salute – Rete WHP Lombardia’ hanno coinvolto circa 200.000 lavoratori, ‘Scuole che promuovono salute Rete SHE Lombardia’ 500.000 studenti e interventi quali ‘LifeSkills Training program’, ‘Unplugged, Educazione tra pari’ circa 53.000 studenti e oltre 5.200 docenti delle scuole secondarie di primo grado e oltre 5000 studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Sono tutti interventi di provata efficacia che agiscono su ambienti fisici e sull’aumento di conoscenze, competenze e consapevolezza.

COMPORTAMENTI RISCHIOSI – “Quella del contrasto al fumo di tabacco è una sfida particolarmente importante per il Sistema Sanitario Regionale – ha spiegato l’assessore – visti i rischi e i danni per la salute che questo comportamento porta con sé. L’uso del tabacco è uno dei principali fattori di rischio nello sviluppo di malattie coronariche, ictus e malattie vascolari. Le malattie cardiovascolari uccidono più di qualsiasi altra causa di morte in tutto il mondo. L’uso del tabacco e l’esposizione al fumo contribuiscono per circa il 12 per cento di tutte le morti per malattie cardiache”.

I NUMERI – L’uso del tabacco è la seconda causa per le malattie cardiovascolari, dopo l’ipertensione. L’epidemia del tabacco uccide più di 7 milioni di persone ogni anno, di cui quasi 900.000 sono non fumatori, che muoiono per aver respirato fumo passivo. Quasi l’80 per cento degli oltre 1 miliardo di fumatori in tutto il mondo vive in paesi a basso e medio reddito, dove il peso delle malattie e della morte legate al tabacco è più pesante. “In quest’ottica – conclude l’assessore – la prevenzione assume un ruolo fondamentale”.

I DATI DEL CONSUMO SUI GIOVANI – Secondo i dati dell’Health Behaviour in School-aged Children, (HBSC), un’indagine internazionale a cui partecipa anche Regione Lombardia sui comportamenti degli studenti 11-13-15enni, il 12.5% dichiara di fumare attualmente. In particolare, emerge l’importanza della fascia tra i 13 e i 15 anni per instaurare l’abitudine al fumo. A 11 anni, fuma lo 0.8% degli studenti, a 13 anni l’11% e 15 anni il 29.7. Già a 15 anni per il 15.5% degli studenti il consumo diventa giornaliero e per il 6.6 settimanale. Il sondaggio rileva anche che una percentuale maggiore di studenti ha provato almeno una volta nella vita (2.4% a 11 anni, 22.5 a 13 anni e 45.7 a 15 anni).

RAGAZZE FUMATRICI – Particolarmente interessante il dato riguardo le differenze di genere: se a 11 e 13 anni non ci sono differenze tra maschi e femmine, a 15 anni la percentuale di ragazze fumatrici (33.1 %) è significativamente maggiore di quella dei ragazzi (26.5). Inoltre, se si confrontano le percentuali sui fumatori quotidiani emerge come a 13 anni siano di più i ragazzi (maschi: 2.9 %; femmine: 1.4 %) mentre a 15 anni le differenze si annullano (maschi 15% e femmine 16

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

In quasi la metà delle famiglie italiane (48%) c’è chi

Trieste  “L’altalena dei prezzi e i relativi aumenti del costo

“Ci premono i tempi dei contenimenti del contagio. Il sistema

PORDENONE – Con le nuove norme che regolano la cosiddetta

Le sue grandi vertebre emergevano dalla sabbia, quando ad accorgersi

“È di due miliardi di euro la stima della perdita

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.