ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Tasse, tasse e ancora tasse: solo a giugno il Fisco incasserà 40 miliardi dagli italiani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
tasse

La stagione delle riforme, delle opere pubbliche, della velocità, della semplificazione, della digitalizzazione. Ma soprattutto, e questo il governo non ha trovato il coraggio di dirlo in maniera chiara agli italiani, delle tasse. Con il Fisco che, nonostante gli annunci roboanti, non riesce a trovare un modo per far pagare di più chi registra fatturati altissimi, a partire dai colossi del web minacciati da interventi imminenti e ancora oggi impegnati a godersi i ricchissimi guadagni. E che, non potendo fare altrimenti, continua a puntare alle tasche di cittadini già messi in ginocchio dalla pandemia e dall’emergenza economica che ne è scaturita.
Tasse, tasse e ancora tasse: solo a giugno il Fisco incasserà 40 miliardi dagli italiani

Si parte con l’Imu 2.0, che 25 milioni di proprietari immobiliari dovranno pagare nel corso dei prossimi giorni e che non è stata rinviata nonostante la situazione più che drammatica che si è abbattuta sul Paese. Salvo alcune categorie, le più colpite, che potranno beneficiare di un trattamento speciale, ai rimanenti toccherà far fronte al nuovo tributo frutto dell’unificazione tra Imu e Tasi, il tributo per i servizi indivisibili. In totale, una decina di miliardi che entreranno nelle casse del Fisco e ai quali bisognerà poi aggiungere altri 33 miliardi in arrivo, stando alle stime della Fondazione Nazionale Commercialisti, dal saldo e acconto Irpef, la tassa sui redditi delle persone fisiche, l’Ires (sui redditi societari) e le addizionali comunali e regionali.

Un bel salasso, non c’è che dire. Ma l’elenco non è ancora finito: alla lista vanno aggiunti poi l’Iva e la Tari, la tassa sui rifiuti, per un bottino complessivo che nel solo mese di giugno dovrebbe superare quota 40 miliardi di euro. Il tutto nell’attesa di un segnale dal governo, al quale è stato chiesto ripetutamente, e da più parti, di prorogare alcune scadenze per aiutare gli italiani a riprendere fiato tra un versamento e l’altro. Al momento, però, dal fronte giallorosso tutto tace, e allora la stessa Fondazione commercialisti ha invitato i cittadini a non adagiarsi sugli allori: le scadenze vanno rispettate e il tempo a disposizione non è tantissimo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Si tratta di uno dei 5 poli di sviluppo della

Ecco le richieste che sono state sottoposte a noi rappresentanti

salvini

Vi rivolgerete a Mattarella? “Sicuramente sì, se c’è un governo

trump

L’ex presidente Donald Trump è tornato sulla possibilità di candidarsi

LISBONA – Il Partito socialista (Ps) di Antonio Costa stravince

Reddito di cittadinanza:

Si sblocca, almeno in parte, il reddito di cittadinanza e

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.