Tenetevi pure gli statisti di una volta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Storia Toscana 19601005 - POL - Amintore Fanfani è stato uno dei più celebri politici italiani del Secondo dopoguerra. Figura storica del partito della Democrazia Cristiana, ne fu segretario per diversi anni, si distinse anche come storico dell'economia. Ricoprì la carica di Presidente del Consiglio per sei legislature: la prima nel 1956 e l'ultima nel 1987. Tra gli anni 50' e 60' fu Ministro degli Esteri, Ministro dell'Agricoltura Ministro dell'Interno e Presidente del Senato. In politica estera ebbe un ruolo cruciale per la c.d. Crisi di Suez, promuovendosi come mediatore tra il Presidente egiziano Nasser e le potenze occidentali. In politica interna raggiunse importanti successi come la nazionalizzazione dell'energia elettrica, l'istituzione della scuola media unica, l'avvio delle opere infrastrutturali come la realizzazione dell'Autostrada del sole Milano-Napoli e la definitiva consacrazione della RAI come servizio pubblico. ANSA ARCHIVIO

Ah quanto erano bravi i politici di una volta! Quelli sì che erano statisti, mica gli scappati di casa che stanno oggi al governo. Certo, i campioni della Prima Repubblica, da Andreotti a Craxi, ci hanno lasciato un Paese scassato e con un debito pubblico da paura, per non dimenticare – se non andiamo a ritroso fino a De Gasperi, Togliatti e Fanfani – che sono finiti quasi tutti con qualche problemino giudiziario, chi per mafia, chi per tangenti.

In questa fase storica, dunque, dobbiamo accontentarci di quello che passa il convento, anche se in mezzo ai nuovi barbari non ci sono solo apprendisti stregoni. Pensiamo a chi ha proposto per primo conquiste apparentemente impossibili, come il Reddito di cittadinanza o il Salario minimo.

Battaglie inimmaginabili senza grandi visioni e che ora sono in parte realtà e in parte obiettivo dell’Europa. Oppure confrontiamo i risultati dei leader che per l’establishment e i loro giornali al guinzaglio sono i capaci per antonomasia, tipo Renzi e Calenda per intenderci, che ci hanno promesso profondi cambiamenti, come la riforma costituzionale bocciata dagli italiani, mentre i 5 Stelle praticamente da soli tra breve ci permetteranno di ridurre concretamente il numero dei parlamentari e così far funzionare meglio le Camere, oltre che farci risparmiare milioni.

Politici di serie B, a sentire in tv certi soloni, ma che oltre a non rubare stanno facendo del loro meglio per raddrizzare le istituzioni, sotto un diluvio di false informazioni e le resistenze della casta. Una guerra persa senza il sostegno dei cittadini, a partire dal voto al referendum.

La Notizia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Anche oggi leggiamo, su alcuni organi di stampa, di fronde,

“Una spinta all’innovazione. E’ con questo spirito che il Friuli

CONTRASTO E PREVENZIONE DEI CRIMINI INFORMATICI, FIRMATO IL PROTOCOLLO TRA

Sono stati i comuni della Lombardia i piu’ rapidi nel

Da martedi #1ottobre entreranno in vigore le modifiche all’accordo di

Due grandi narratori contemporanei, lo scrittore israeliano David Grossman e

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.