Testata a un calciatore, Daspo per un arbitro di seconda categoria

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ARBITRO

Daspo per un anno a un arbitro di calcio che al termine di una partita di seconda categoria ha aggredito uno dei giocatori al termine del match. Lo ha disposto il questore di Macerata, Antonio Pignataro. Tutto è successo il primo febbraio a Mogliano (Macerata) al termine dell’incontro Borgo Mogliano-Montottone, terminato 3 a 1. All’uscita dagli spogliatoi l’arbitro ha colpito con una testata il portiere del Borgo Mogliano, espulso durante il match. Si tratta del primo Daspo in Italia nei confronti di un direttore di gara.

La decisione è arrivata al termine degli accertamenti svolti dai carabinieri in seguito all’informativa sui fatti inviata alla Procura di Macerata. Nel dettaglio nei confronti del direttore di gara è stato emesso un Daspo di un anno poiché è stata rilevata una “condotta contraria ai principi per contrastare la violenza in competizioni sportive e a quelli della professione dell’arbitro”. Nessuno sconto, inoltre, è stato fatto nemmeno dal Giudice sportivo nei confronti del portiere colpito dalla testata, che ha atteso il direttore di gara fuori dagli spogliatoi per chiedere spiegazioni sulla sua espulsione. Il giocatore è stato infatti squalificato per due anni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Bra: spesa e farmaci a domicilio per over 70 soli

Una enormità che mette in discussione non solo la stabilità

Il consigliere interroga la giunta ritenendo che nei casi delle

Per noi la priorità è sospendere subito il pagamento dei

L’emergenza Covid-19 ha coinvolto in prima persona il personale tutto

🚚 Roma – “Quello che sta avvenendo in questi giorni

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.