ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Titoli di Gianfranco Torriero (Vice Direttore Generale dell’ABI)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
torriero

Tratto da “ Lessico Finanziario “ di Beppe Ghisolfi – ARAGNO Editore

Il titolo è uno strumento finanziario che permette l’investimento in quote di capitale o di debito di un ente, sia pubblico sia privato.

L’investimento in quote di capitale, cioè in azioni, conferisce all’investitore il ruolo di azionista, che in questa veste diventa titolare di diritti amministrativi e patrimoniali. Tra questi sono inclusi il diritto a ricevere un dividendo, qualora deliberato dall’Assemblea dei Soci, che è la remunerazione associata all’investimento in azioni, e il diritto a votare in Assemblea (tale diritto non è previsto per le cosiddette azioni di risparmio, che tuttavia hanno un privilegio nel caso di distribuzione di dividendi).

L’investimento in un titolo di debito od obbligazione conferisce all’investitore il diritto a ricevere, alle scadenze predefinite, il rimborso del capitale sottoscritto e una remunerazione a titolo di interesse (la cosiddetta cedola). I titoli obbligazionari vengono quindi emessi per raccogliere sul mercato risorse finanziarie e rappresentano per l’emittente debiti di finanziamento.

Gli elementi che sinteticamente caratterizzano una obbligazione sono: l’emittente, il tasso di interesse no- minale, la durata, la cedola, la modalità di rimborso e il prezzo di rimborso.

In dettaglio:

    • relativamente all’emittente, possono emettere obbligazioni lo Stato (e in questo caso le obbligazioni vengono definiti “titoli di Stato”) o un altro ente pubblico, un organismo sovranazionale, una banca, le società per azioni e altre società;

    • il tasso di interesse nominale, che può essere fisso per tutta la durata dell’obbligazione, oppure variabile (predeterminato oppure indicizzato);

    • la durata è il periodo di tempo che intercorre tra l’emissione e la scadenza (in inglese “maturity”) dell’obbligazione. Esistono obbligazioni con una breve durata (anche di pochi mesi), mentre altre hanno una scadenza molto posticipata nel tempo;

    • la cedola o “coupon”, che corrisponde all’interesse periodico che l’emittente paga periodicamente ai propri obbligazionisti. La cedola può essere pari a zero (obbligazione zero coupon) oppure periodica a scadenze predeterminate;

    • la modalità di rimborso, che può essere ordinaria (rimborso in un’unica soluzione a scadenza, oppure rimborso progressivo a determinate scadenze), oppure straordinaria (rimborso anticipato oppure riacquisto sul mercato);

    • il prezzo di rimborso, che può essere fisso oppure variabile.

La compravendita dei titoli avviene o sul mercato primario – in occasione dell’emissione dello strumento finanziario in questione – o sul mercato secondario – nel caso di acquisto di titoli già in circolazione.

L’investimento in titoli, al pari dell’investimento in ogni attività finanziaria che offre un rendimento, non è mai privo di rischio. Tipicamente, infatti, sono soggetti a tutte le tipologie di rischio proprie degli strumenti finanziari: rischio di interesse (connesso con le variazioni dei tassi di interesse), rischio di credito o rischio emittente (legato alla possibilità che l’emittente sia inadempiente, in tutto o in parte, nel pagamento degli interessi e/o del capitale o in caso di liquidazione della società di cui si è Soci), rischio di liquidità (connesso alla difficoltà di vendere rapidamente e senza perdite in termini di prezzo il titolo) e rischio di cambio (presente solo se i titoli sono denominati in valuta diversa da quella domestica ed è legato alla variabilità del rapporto di cambio tra le due valute).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

viola

Da circa un anno ripeto che il contagio si verifica

GENOVA – Dopo le anticipazioni di Aldo Spinelli a Primocanale 

I dati sugli ascolti tv di venerdì 14 febbraio 2020

SUSEGANA (TREVISO)  – I dipendenti dello stabilimento Electrolux di Susegana

“Negare a Palamara l’ultima difesa nel giudizio che ne ha

Su due ruote, da Milano a Matera: un viaggio sulla

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.