TLC: AGCOM ACCOGLIE ESPOSTO CODACONS. STOP A COSTI OCCULTI PER LE RICARICHE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ricARICHE

VITTORIA DEI CONSUMATORI, MA ORA MAGGIORI COSTI PER RICARICHE TELEFONICHE ANDRANNO RESTITUITI AGLI UTENTI

Vittoria del Codacons contro le compagnie telefoniche. L’AGCOM ha infatti accolto l’esposto presentato nelle settimane scorse dall’associazione dei consumatori contro i costi occulti applicati dai gestori sulle ricariche telefoniche.
“Il Codacons è stata la prima associazione in Italia a denunciare tale pratica scorretta attraverso la quale le compagnie telefoniche sottraevano uno o due euro ai consumatori al momento di effettuare una ricarica telefonica, in cambio di servizi Premium non richiesti – spiega il presidente Carlo Rienzi – L’Autorità ha accolto in pieno la nostra denuncia contro Tim, Wind e Vodafone e i tre operatori sono stati diffidati dall’Agcom a non continuare a commercializzare le ricariche che prevedono la sottrazione di un euro dall’accredito”.
“Ora chiediamo che i soldi sottratti ai consumatori dopo l’acquisto della ricarica siano restituiti agli utenti, considerata la scorrettezza della pratica accertata dall’AGCOM” – conclude Rienzi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Promuovere investimenti nel Burundi e assicurare la migliore formazione dei

CONCENTRICA A SCUOLA: GLI STUDENTI ADOTTANO L’INIZIATIVA, LE SCUOLE DIVENTANO

CODACONS: FLOP CLAMOROSO, ALTRO CHE I 2,7 MILIONI PREVISTI DAL

CODACONS: DA TAR ERRORE A DANNO DEGLI UTENTI, MA ORA

Nessun ‘6’ né ‘5+’ al concorso di oggi del Superenalotto.

L’Unione Europea a 27 “ha concordato di accettare la richiesta

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.