Torino, Appendino assolta per abuso e condannata 6 mesi per falso in bilancio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
appendino

Il Tribunale di Torino ha assolto con formula piena, perché il fatto non sussiste, la sindaca Chiara Appendino dall’accusa di abuso d’ufficio e l’ha condannata a 6 mesi per falso ideologico in atto pubblico nell’ambito del processo Ream in riferimento al bilancio 2016. Assolta invece per abuso e falso ideologico riferiti al bilancio 2017. Per lei l’accusa aveva chiesto un anno e due mesi. La sindaca era in aula alla lettura della sentenza. I suoi legali, Luigi Chiappero e Luigi Giuliano hanno annunciato il ricorso in appello.

“Sono profondamente convinta di aver fatto tutto nell’interesse dell’ente, quindi ricorreremo. Per quanto mi riguarda porterò a termine il mio mandato da sindaca e come previsto dal codice etico mi auto sospendo dal Movimento 5 Stelle”, ha commentato Appendino. “Sono stata assolta per tre reati su quattro perché il fatto non sussiste, quindi la motivazione è particolarmente significativa, rimane in piedi un capo che riguarda il falso del 2016 su cui leggeremo le motivazioni”, ha aggiunto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

«Lo Stato è con chi sceglie la legalità». Così ieri

Il prossimo 28 maggio è il termine ultimo per le

Roma – In occasione della Giornata Nazionale della SLA che

La decisione sull’uso del Meccanismo europeo di stabilità “spetta all’Italia”.

GENOVA – “Nel decreto Milleproroghe il Governo ha respinto ogni

Turismo: compagnie aeree e agenzie rifiutano di rimborsare i voli

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.