ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

TORINO, MENO AUTO E PIÙ BICI: CALANO INCIDENTI E VITTIME SULLE STRADE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bici

Un bel passo avanti rispetto al 2019.
Lo scenario che meno auto – e più lente – portasse a un calo di feriti e vittime di collisioni stradali, lo si poteva immaginare, anche solo guardando ciò che avviene nelle medie e grandi città europee.
Ma adesso abbiamo anche i numeri della Città di Torino
.
Nel 2020 sono cambiati i gusti di mobilità, per scelta o imposizione.
Il lockdown ha bloccato le auto in garage.
Nel contempo abbiamo riscoperto quanto sia bello camminare per il quartiere, spostandosi a piedi e in bici. Limitando al massimo gli spostamenti non necessari.
-25% di collisioni stradali nel 2020.
3.469 incidenti, a fronte dei 4.671 del 2019.
-50% di morti sulle strade nel 2020.
14 persone, a fronte dei 27 del 2019.
Degli oltre 6.600 veicoli coinvolti, l’auto continua a farla da padrona:
🚗5.345 automobili (81%)
🏍465 motocicli (7%)
🚛436 autocarri (6%)
🚲374 bici e monopattini (5%)
La strada verso la Vision Zero (niente morti o feriti gravi negli incidenti stradali entro il 2050) è ancora lunga.
Da un lato il Piano della Sicurezza Stradale con #TRed e altri interventi di #traffic calming come #zone30, controviali 20 e Strade scolastiche-school streets
.
Dall’altro una più ampia e interconnessa #infrastruttura ciclabile porterà sempre più concittadini torinesi a scegliere la bici.
Per una città sicura e vivibile.
A misura di persona.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Si è risolto in un fallimento il primo tentativo di

raggi

Virginia Raggi annuncia la nascita del “condominio sociale” uno spazio

calcio

Si gioca per la Champions. Atalanta e Milan sono chiamate

In preparazione al prossimo anno scolastico, la Regione ritiene indispensabile,

La storia si ripete e non insegna nulla. Abbiamo ancora

Considerato che Regione Lombardia ha da tempo adottato una serie

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.