#Total #petrolio #Basilicata

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
64806548_1564527560348543_3040745397124333568_n

La Total non dia avvio all’attività estrattiva senza prima impegnarsi concretamente in investimenti che vadano oltre l’attività estrattiva, ponendo tale condizione nel nuovo patto di sito la cui bozza, la cosiddetta “Magna Carta”, è ferma a febbraio 2019. Il rischio, altrimenti, è che i risvolti occupazionali siano minimi rispetto all’impatto del sito produttivo sul territorio, anche in termini di sicurezza ambientale.

La Basilicata non è terra di conquiste. Chiediamo ai sindaci dei Comuni dell’area e ai lavoratori di accompagnare la nostra rivendicazione e di guardare al futuro del nostro territorio e di non svendere la Basilicata alle logiche della Total, che continua a sottrarsi al confronto e a non investire nel nostro territorio.

Il tema rimane lo stesso: la questione petrolio in Basilicata non può essere trattata come è stato fatto finora, bisogna aprire un nuovo capitolo rispetto allo scambio che fino ad oggi ha connotato il rapporto tra le compagnie petrolifere e la nostra regione. Su questo aspetto bisogna da subito ribadire con forza che Total deve mettere in atto un piano di investimenti che punti a creare nuova occupazione in settori diversi da quello petrolifero.

La Regione Basilicata convochi subito un incontro con Total, così come richiesto da tempo, per definire quanto prima il nuovo patto di sito che tenga insieme la salvaguardia delle maestranze locali e la sicurezza della salute e dell’ambiente, garantendo anche investimenti che vadano nell’ottica dell’ormai necessaria transizione energetica.

Il nuovo patto di sito rispetti i principi già definiti all’interno del documento discusso a febbraio, quali l’insediamento di ulteriori iniziative industriali per le attività no oil e segni tangibili sull’occupazione per quanto riguarda il rispetto della clausola sociale nei cambi di appalto e sulla reale ricollocazione dei lavoratori che hanno già prestato la propria attività lavorativa nella fase di costruzione dell’impianto, attraverso una formazione mirata e specifica sulle future attività.

Angelo Summa
segretario generale Cgil Basilicata
Emanuele De Nicola
Segreteria Cgil Potenza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Tra la Sezione torinese della Lilt e la Città della

Una cura definitiva contro il virus Hiv è possibile: in

Il decreto, che è poi divenuto legge in Parlamento, non

Ma davvero Forza Italia pensa di risolvere i suoi drammatici

Oggi il #Ministro della Difesa Elisabetta #Trenta è stata in

Nel ricordo dei caduti di tutte le guerre, tra allenamento

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.