ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Trasporto Aereo, Uiltrasporti: da crisi vettori italiani deve nascere nuovo vettore di riferimento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
aereoporto

Roma  “Dalle grandi emergenze si esce con le grandi scelte e ci aspettiamo che il decreto che il Governo si sta per varare per affrontare gli effetti del coronavirus sulla economia del paese, assuma la decisione di ridare all’Italia un vettore di bandiera, analogamente a tutti i paesi europei”.

A dichiararlo il Segretario Generale, Claudio Tarlazzi, e il Segretario Nazionale, Ivan Viglietti, della Uiltrasporti, che proseguono:

“Il Trasporto Aereo era già al collasso prima che il coronavirus comparisse, per mancanza di interventi di riforma che chiediamo da tempo. L’emergenza sanitaria ha solo accelerato un epilogo annunciato.

“Ciononostante, Alitalia sta volando in tutto il mondo per recuperare e riportare a casa i nostri connazionali bloccati in altri paesi: in queste ore si stanno decollando voli-soccorso per Caraibi, Maldive, Varsavia, Tunisi, Praga e molte altre destinazioni.

“In un settore come quello del Trasporto Aereo che rappresenta il 3% del Pil del Paese, è necessario e urgente costituire una nuova compagnia di bandiera adeguatamente strutturata e capitalizzata.

“Chiediamo e auspichiamo che l’imminente decreto lo preveda, insieme a misure per gli ammortizzatori sociali a tutela dell’occupazione di tutto il settore; per l’adeguato rifinanziamento del Fondo di Solidarietà; per l’introduzione di regole di concorrenza sul mercato domestico che riequilibrino la catena del valore tra gli stakeholder del settore; ed infine per l’istituzione di un sostegno legislativo antidumping salariale, che identifichi il Ccnl di settore quale riferimento minimo retributivo.

“Queste sono le azioni urgentissime che chiediamo per salvare il Trasporto Aereo italiano e che ci aspettiamo dal Decreto del Governo, affinchè i nostri connazionali all’estero non siano abbandonati ed il settore non sia distrutto, ma possa ripartire con slancio alla fine di q

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Da giorni la situazione tra Iran e Stati Uniti si

PRATO – Un caso di meningite a Prato. Ad essere

GENOVA – Ennesima notte di coda lungo l’Aurelia. A causa

Uno ogni 9 ore. Lamorgese: “Inaccettabile la violenza sul diverso”

L’allarme del pm anticorruzione “Il vaccino anti Covid 19 non

boccia

Dipenderà dalle condizioni della regione. Se è una regione a

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.