Tromba d’aria ieri ha attraversato le Marche

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
maltempo                                5_6048917848175149056_n

Queste foto sono solo una minima parte dei danni lasciati dalla tromba d’aria che ieri ha attraversato le Marche. Una situazione disastrosa. L’invito che possiamo fare ai consumatori è di cercare di premiare con la spesa le aziende del territorio: un modo per aiutarle a rialzarsi dopo i danni – davvero ingenti – subiti.

“Siamo in piena fase emergenziale – denuncia la nostra presidente Maria Letizia Gardoni – nelle campagne lo scenario è apocalittico. I danni riscontrati sono ingenti e hanno colpito in maniera trasversale tutte le province e ogni tipologia di realtà produttiva, dai frutteti agli oliveti, dalle aziende zootecniche a quelle a seminativi, senza risparmiare le strutture di vivai ed agriturismi. La nostra agricoltura sta vivendo delle ore di indicibile difficoltà con la compromissione non solo del raccolto di stagione ma di tutte le attività future. È necessario che venga richiesto lo stato di calamità e che ogni organo di competenza si adoperi affinché nessuno degli imprenditori e dei cittadini colpiti rimanga solo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

LA CISL, DAL SUO ESECUTIVO, SFERZA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE. TONINO GENOVESE:

Una bufera che ha investito le aule universitarie e non

PORDENONE – Il conto alla rovescia è scattato e Fondazione

Perugia  – I consiglieri dei gruppi regionali Lega, Fratelli d’Italia,

La Corte dei Conti ha chiesto 60 milioni di euro

Sembra che nelle ultime settimane l’immagine di Salvini si sia

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.