ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Truffati dalle banche: risparmiatori fregati e traditi. Ad oggi, ancora zero euro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
banca

Cosa ne è stato del “F.I.R”, il Fondo Indennizzo Risparmiatori truffati dalle banche? I cittadini traditi e truffati devono ancora vedere il becco di un quattrino, nonostante – soprattutto su sponda grillina – si siano fatti e si continuino a fare grandi proclami. La questione è drammaticamente e odiosamente semplice: “causa della burocrazia”, che applica le regole scritte dal legislatore pentastellato. Dove sta e di chi è il problema? È stato fatto di tutto per complicare le cose. Tre decreti che hanno aggrovigliato ancora di più la matassa. A sospettare che sia stato tutto studiato e preconfezionato ad arte forse non si sbaglia. Oppure è il risultato dell’opera di persone e personaggi incompetenti che non meritano assolutamente i posti che occupano, e le cui decisioni purtroppo condizionano negativamente la vita già molto complicata di centinaia di migliaia di risparmiatori e cittadini onesti truffati dalle banche.
Le banche non possono impedirti di fare…

I truffati sono stanchi, esasperati e sempre più arrabbiati, ma non vinti. E contano di far valere ancora le loro ragioni. Giustamente. Come noto, il F.I.R. ha un suo predecessore nel Fondo Ristoro varato dal Governo Gentiloni nel 2017 legge nr. 205, che però non vide mai la luce. Come ricostruisce Enzo De Biasi bellunopress.it, “in questa legge era previsto per l’operatività del fondo un unico decreto attuativo, mai adottato in quanto chi risultò vincitore nel marzo 2018, in particolare i 5 stelle, si oppose nella commissione bicamerale che resse la transizione dal precitato esecutivo al Conte 1 poi insediatosi il 1° giugno”.

Intanto, invece che una legge ed un decreto, ci sono stati 2 leggi, 3 decreti-legge, 3 decreti attuativi (per il momento) senza risolvere nulla e senza ridare indietro un euro. Il 9 febbraio 2019 Luigi Di Maio, in visita a Venezia, affermò “entro questa settimana faremo il decreto ed erogheremo i soldi”. I risparmiatori stanno però ancora aspettando. Sorprendente ed inusuale quanto poi è accaduto. “Dai dati resi noti dalla Commissione Tecnica del MEF – commenta ancora De Biasi – risulta che su n.144.245 domande di indennizzo regolarmente presentate al FIR, ben 98.385 sono quelle provenienti da Banca Intesa San Paolo (cessionaria di Banca Popolare di Vicenza in L.C.A. e Veneto Banca in L.C.A.) e con ogni probabilità buona parte di queste sono state prodotte dagli stessi che aderirono all’offerta di transazione pubblica lanciata dai due istituti. Ebbene a costoro, in base alla procedura vigente che vede in sottrazione l’eventuale il rimborso già ottenuto rispetto all’obolo di stato, nulla spetta”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

«Ancora una volta le previsioni del Codacons trovano conferma nella

Grazie al prossimo decreto di agosto dovrebbe essere introdotta una

“Dopo i calcoli finali della tua bolletta Enel energia, abbiamo

Il poliziotto assassino di GeorgeFloyd è già libero. Ha pagato

soldi

L’Abi e le associazioni delle imprese hanno deciso di estendere

BOLOGNA – Evento di primissimo piano domani, mercoledì 16 ottobre,

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.