Trump usa ‘Gloria’ e Umberto Tozzi si arrabbia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
trump

Donald Trump usa ‘Gloria’ e Umberto Tozzi si arrabbia. Mercoledì 6 gennaio, nel comizio che ha preceduto l’assalto al Congresso, gli altoparlanti hanno diffuso le note della canzone incisa dall’artista italiano nel 1979. A Washington, prima dell’intervento di Trump dal palco, è stata proposta la cover cantata da Laura Branigan. Il brano, registrato nel 1982, è arrivato al secondo posto nella Hot Billboard 100 ed è rimasto per 36 settimane in classifica: un record per una cantante solista.

Tozzi, però, non gradisce che la canzone venga accostata ad una giornata di violenza e caos. “Mi hanno mostrato un video in cui una delle mie canzoni più famose e a cui tengo di più è stata usata in azioni di inaudita violenza da Donald Trump e dal suo staff -dice in un video su Twitter-. Io sono notoriamente un artista e una persona che nel pubblico e nel privato ha sempre preferito l’amore alla violenza. Nelle mie canzoni e anche in Gloria canto la bellezza della vita, per questo mi dissocio e in qualità di autore sono pronto a difendere le origini e i principi di questa canzone”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La Corte Costituzionale, da giudice delle leggi, ha deciso di

Luigi Marattin, vicecapogruppo di Italia Viva alla Camera, quanto rischia

E’ di Miami, Florida. Ed essendo tornato da un viaggio

Una rete di Carlos Tevez regala al Boca Juniors il

L’eccellenza assoluta dei vini spumanti italiani, a cominciare dalla nostra

E morta, all’età di 57 anni, l’attrice Kelly Preston, moglie

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.