ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Turchia, la tv Stato annuncia l’arresto di giornalista-spia degli Emirati Arabi Uniti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
turchia

La tv di stato turca Trt ha annunciato l’arresto da parte delle autorità di Ankara di un cittadino giordano di origine palestinese accusato di spionaggio per conto degli Emirati Arabi Uniti nei confronti di esuli legati ai Fratelli musulmani e altri dissidenti arabi. La notizia era già trapelata nei giorni scorsi sui media locali. Ora, la Trt identifica il sospetto in Ahmed al-Astal, un 45enne che dal 2013 risiedeva in Turchia, dove lavorava ufficialmente come giornalista e sarebbe stato impiegato anche dall’agenzia di stampa statale Anadolu. Secondo le accuse, l’uomo avrebbe agito come 007 emiratino per 11 anni, ricevendo compensi complessivi per 400 mila dollari, e avrebbe inoltre raccolto informazioni a scopi di intelligence su vicende interne alla Turchia. Da Gaza, i familiari di Astal avevano denunciato il mese scorso il suo “rapimento” e ora accusano Ankara di gestire la vicenda in modo “opaco”, negando la trasparenza di una sua presunta confessione e chiedendo un intervento del presidente palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen). La moglie e i due figli del presunto 007 si troverebbero anch’essi in Turchia. Lo scorso anno Ankara arrestò due presunte spie emiratine, accusandole di legami con l’operazione che nell’ottobre 2018 portò all’uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi nel consolato di Riad a Istanbul.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il carcere non è una discarica di rifiuti umani dove

Nel primo trimestre 2019 la variazione netta sui rapporti di

marcucci

D’altra parte mai come in questa situazione assurda, siamo letteralmente

IL SEGRETARIO DEL PARTITO UNIONE CATTOLICA IVANO TONOLI E IL

La mamma fa la casalinga, il padre è un ministro

prandini

“La nascita di un colosso bancario, al terzo posto nel

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.