Turismo: rischio estate da incubo per i lavoratori degli appalti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
spiagge

Filcams Cgil Perugia: centinaia di lavoratori rischiano di restare senza alcun reddito a luglio e agosto

Camerieri, addetti alle pulizie, facchini e manutentori impiegati nella ricezione alberghiera ed extra alberghiera: rischiano di essere loro i primi “nuovi poveri” già dalle prossime settimane. Il decreto Rilancio, infatti, minaccia di lasciare senza alcun sostegno questi lavoratori, da metà giugno e fino a tutto agosto. Un colpo durissimo per una categoria già di per sè debole, con stipendi bassi e contratti spesso discontinui.
A lanciare l’allarme è la Filcams Cgil di Perugia che parla di una vera e propria “bomba sociale” innescata dallo sfaldamento delle relazioni contrattuali nel settore alberghiero.
“I tantissimi addetti, spesso in appalto nelle strutture ricettive, sono a rischio miseria – affermano dal sindacato – E nel Perugino parliamo di un numero consistente di persone, che lavorano nella ricettività turistica, non solo negli alberghi, ma anche nei b&b, nelle case vacanza e nelle residenze d’epoca. Un esercito di lavoratori non assunti direttamente dalle strutture, ma dipendenti da società terze, spesso cooperative, che in appalto prestano servizio negli alberghi per pulizie, facchinaggio, manutenzione, ristorazione. I cosiddetti esternalizzati”, sottolinea la Filcams Cgil.
Il problema è che il decreto Rilancio assegna il sostengo straordinario di nove settimane continuative del Fondo integrazione salariale (il Fis), ovvero l’equivalente della Cassa Integrazione in deroga, ai dipendenti delle aziende del turismo, in base ai codici Ateco. “Questo farà sì che solo le aziende che rientrano in questa classificazione potranno agganciare le nove settimane di aiuto alle altre nove già finanziate e in esaurimento – spiega Wendy Galarza, segretaria della Filcams Cgil di Perugia – Gli addetti degli altri settori potranno godere subito di cinque settimane di sostegno, mentre potranno utilizzare le altre quattro solamente a partire da settembre”.
Ecco il “dramma” per i lavoratori terziarizzati (pulizie, facchinaggio, manutentori e ristorazione ) che pur lavorando esclusivamente per gli alberghi, hanno un codice Ateco diverso da quello del settore turistico. “Così – continua Galarza – questi lavoratori avranno un sussidio al massimo fino alla fine di giugno e resteranno poi senza coperture fino a settembre, ipotetica data di ripresa del settore. Questo è assolutamente inaccettabile”.
La Filcams Cgil di Perugia sta chiedendo a tutte le committenti di interloquire con le aziende che gestiscono gli appalti e sub-appalti per la pronta attivazione degli ammortizzatori sociali ordinari, in attesa di condizioni di miglior favore dettate dalla legislazione e dalle necessarie modifiche al decreto Rilancio attraverso appositi emendamenti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Al mio fianco per realizzare ospedale Covid a Fieramilanocity Il

Elisabetta Trenta, ex ministra M5S della Difesa, ha pubblicato su

L’origine della recente pandemia, così come la crisi climatica e

IN CRESCITA LE IMPRESE GESTITE DA DONNE NEL TERZIARIO PADOVANO:

Diritto allo studio BOCCI (PD): “REGIONE METTA PIÙ RISORSE SULLE

l consigliere regionale M5s che elogia la presa di posizione

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.