Un concerto per ricordare Ezio Bosso nel giorno del compleanno

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bossio

Nel giorno del suo compleanno, domenica 13 settembre, Torino ricorderà con Playforezio la figura di Ezio Bosso, contrabbassista, pianista e direttore d’orchestra morto nel maggio scorso a 48 anni con un concerto nell’Auditorium della Rai.

In programma due opere composte dal musicista, Waves and Hopes e Festa, e Metamorphosen di Richard Strauss, che rappresenta l’ultimo sogno rimasto irrealizzato di Bosso, che avrebbe voluto dirigerla con la sua orchestra, la Europe Philarmonic Orchestra. E saranno proprio i suoi musicisti a eseguire il programma, con il podio rigorosamente vuoto in omaggio al maestro.

L’iniziativa, promossa dalla Regione Piemonte con il patrocinio di Ministero del Beni culturali, Comune di Torino, Consulta delle Persone in Difficoltà e la media partnership di Rai e Tgr Piemonte, è dell’associazione culturale Apertis Verbis ed è stata presentata nella Sala della Trasparenza della Regione alla presenza della sorella e del nipote dell’artista.

L’obiettivo, come ha detto l’assessore alla Cultura del Piemonte, è mantenere viva la memoria di Bosso, che usava la bacchetta per l’arte ma anche come antidoto contro il dolore degli uomini. Il presidente della Regione ha espresso riconoscimento per aver realizzato anche un video utilizzato ancora adesso per promuovere il Piemonte.

Il concerto, ad ingresso gratuito con inizio alle ore 21, avrà i posti contingentati (199) in osservanza delle norme contro il Covid. Per accreditarsi occorre scrivere a info@eziobosso.com Prevista anche la diretta streaming sulla pagina Facebook del maestro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è risultato negativo

E ottenni un risultato unico nella storia del nostro partito:

“Dateci retta: abbiamo 16 milioni di buoni motivi”. È lo

L’ombra lunga di quella storia ha accompagnato per tutta l’estate

La bolletta elettrica per le imprese italiane è sempre più

IMPERIA – Per la nostra rubrica culturale “Alle origini della

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.