Un neologismo enigmistico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
188 Un neologismo enigmistico

Le riviste di enigmistica sono un mondo statico, soprattutto la Settimana Enigmistica sembra esserlo, con le sue pagine tutte uguali, e i giochi di un certo tipo sempre nella stessa pagina. Ed è proprio questa, vista la tiratura, la forza del settimanale: ognuno di noi sa a che pagina andare a cercare i giochi che gli piacciono in modo particolare. E così il Bersaglio si trova a pagina 28, i rebus più complicati a pagina 36, e così via.
Ma in mezzo a questi giochi che forse tutti conosciamo, c’è un altro gioco, che di solito appare a pagina 45, che ha un nome relativamente nuovo: il gioco “continuativo”. In realtà non sto parlando di un gioco singolo, ma di una categoria di giochi che esiste già da tanto tempo, ma che ora ha assunto questo nome forse più chiaro del vecchio “crittografico”. Abbiamo allora la “sciarada continuativa”, il “cambio di vocale continuativo”, l’”anagramma continuativo”, e così via.
Forse già si può immaginare come funzionerà il gioco, ora che abbiamo il termine “continuativo”: di seguito si avrà ad esempio una serie di lettere e poi il loro anagramma. Ma ritengo che qualche esempio chiarirà meglio il meccanismo del gioco, che vi invito a cercare sulle riviste e a risolvere.
Partiamo con qualcosa di semplice (spero).
Cambio di consonante continuativo (4 4) SUPERATTICO.
In questo caso il diagramma (cioè i numeri) ci dicono che dovrò usare due parole di 4 lettere tali che si passa dalla prima alla seconda cambiando una consonante (come ATTIVO ATTIMO), tali che leggendo di continuo (ecco il perché del nome) si ottenga la spiegazione di cosa sia un SUPERATTICO, cioè un appartamento pregiato e costoso. Allora la soluzione è CARA CASA.
Ancora un esempio semplice.
Cambio di consonante continuativo (5 5) FIUMICIATTOLO.
Quello definito è un fiume, cioè un corso d’acqua, con poca portata, e non troppo lungo. Quindi la soluzione sarà CORSO CORTO.
Passiamo ad una sciarada, gioco nel quale più parole vengono unite per formarne un’altra.
Sciarada continuativa (5 1 5 11) AVERE UN PIACEVOLE RICORDO.
Il ricordo è qualcosa che si tiene nella memoria, e quindi possiamo pensare a TENER A MENTE TENERAMENTE.
Il gioco non è semplice, e spesso capita anche a me di non trovare la soluzione, che in tal caso mi piace leggere nel numero seguente, per comprendere il gioco di parole creato da qualche autore.
Ecco ora un altro mio gioco.
Anagramma continuativo (2 3 4? 3 6!) CROSTA.
Qui le prime tre parole formano una domanda, per un totale di nove lettere, diventano due parole che sono la risposta alla domanda. Per la soluzione bisogna notare che CROSTA, oltre che quella terrestre o quella del pane, significa anche un dipinto molto brutto. E quindi la soluzione è CI PAR ARTE? PER CARITÀ! Possiamo notare che le prime nove lettere sono le stesse delle ultime nove.
Ancora un mio gioco, apparso anche questo sulla rivista specializzata La Sibilla.
Cambio di vocale continuativo (8 1 5: 4!) SE RIMANI FACCIO BANG!
È un chiaro invito ad andarsene, altrimenti qui ci scappa un colpo di pistola, e ragionando in questo senso, si trova che la soluzione è SPARISCI O SPARO: SCIÒ! Possiamo notare che le prime nove lettere si leggono anche nella seconda parte della frase, tranne una I che è diventata O. Ritengo il gioco difficile da risolvere, però spero di avervi incuriositi e quindi… buona lettura dei giochi continuativi sulle riviste.
Giorgio Dendi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La nuova frontiera della commercializzazione degli esseri umani è l’utero

“Siamo d’accordo con chi chiede nella maggioranza di abbattere alcuni

CENTROSINISTRA UNITO È L’UNICA ALTERNATIVA ALLA DESTRA DI SALVINI Prima

Come sempre il Festival non vive solo nelle sedi che

“La fase 2 mi pare non esista, francamente. E’ uguale

“Il voto del Parlamento alla proroga dello stato d’emergenza è

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.