ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Un rotolo di carta igienica con la scritta Don’t panic!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
dont' panic

PORDENONE – Un rotolo di carta igienica con la scritta Don’t panic! e l’hashtag #nextgenerationEU è stato il logo del Concorso Internazionale IRSE Europe&Youth 2021. Domenica 9 maggio, in felice coincidenza con la Festa dell’Europa, giovani universitari di tutta Italia vincitori del Concorso esprimeranno le loro idee sul futuro dell’Europa: apputamento dalle 10 per assistere alla Premiazione in prima visione sui profili Facebook e Instagram IRSE-ScopriEuropa e sul canale Youtube Cultura Pordenone.

Il Concorso proponeva quest’anno 11 tracce: dal saggio dell’economista Mariana Mazzucato Non sprechiamo questa crisi al recente Piano d’azione Ue contro il razzismo, all’ultimo Rapporto su Algoritmi e rispetto della privacy, all’urgenza delle sfide ambientali e della sharing economy. Anche una riflessione su Dante, poeta universale, e sul libro Finitudine di Telmo Pievani. L’urgenza di competenze scientifiche e di rivoluzione nei comportamenti individuali sono state al centro di elaborati di tutte le fasce di età.  Introdotti dalla presidente IRSE Laura Zuzzi, e dalla digital storyteller Eleonora Boscariol, i giovani premiati proporranno i loro interventi in video. Interverranno anche l’Assessora alla Cultura della Regione FVG Tiziana Gibelli, il presidente di Fondazione Friuli Giuseppe Morandini, l’Assessora al Turismo e Progettazione Fondi europei del Comune di Pordenone Guglielmina Cucci.

«Una gran voglia di tornare a scuola accomuna ragazze e ragazzi: dai più piccoli, agli adolescenti, agli universitari – osserva la presidente IRSE Laura Zuzzi – Gran voglia di abbracci e di musica insieme, e anche un desiderio di conoscersi in maniera meno superficiale, confrontandosi su temi importanti del loro presente e futuro. Voglia di acquisire competenze, in particolare nell’ambito scientifico, per dare, da protagonisti, un loro contributo al cambiamento, nel segno dell’innovazione e anche della condivisione: questa per loro è l’Europa.». Fra i vincitori anche due studenti universitari del Friuli Venezia Giulia: sono Emanuel Oian di Pulfero (UD), corso di Laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche, Università degli Studi di Trieste – sede di Gorizia che auspica il ritorno di uno Stato imprenditore, capace di realizzare investimenti pubblici e stimolare quelli privati per trasformare in opportunità le crisi che stiamo vivendo; e  Martina Furlan di Trieste, laurea quadriennale in Scienze internazionali Ljubljana University, che ha intercettato temi come la trasparenza degli algoritmi e la responsabilità dei “progettisti di intelligenze artificiali”.

Altri vincitori dagli atenei di: Bologna, Firenze, Leiden (Olanda), Liubljana (Slo), Napoli, Torino, Trieste, Udine. 12 vincitori anche tra gli studenti di Licei scientifici e linguistici, dalle province di Cuneo, Milano, Padova, Pordenone. 42 studenti delle scuole secondarie di primo grado e primarie dalle province di Pordenone, Trieste e Venezia.

Molti vincitori FVG per le Scuole secondarie di Secondo Grado: Anita Broshka di Sacile (PN). Classe 5^C, Liceo Scientifico Grigoletti di Pordenone, Martina Guiotto di Pordenone, Mattia Zen e Leonardo Mantovani di Pordenone, Gianmaria Zoff di Pordenone ed Emma Piccin di Cordenons (PN). Nella sezione Scuole secondarie di Primo Grado e Primarie i riconoscimenti sono andati a 16 studenti delle classi 1^A e 2^C Scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Vendramini di Pordenone coordinati dall’insegnante Letizia Ventura, agli studenti Giacomo e Francesco Novel delle scuole “Dante Alighieri” e “Nazario Sauro” di Trieste. Come consuetudine, i lavori che si sono aggiudicati i primi premi della Sezione Università e Scuole Secondarie di Secondo grado sono raccolti in un Quaderno delle Edizioni Concordia Sette, disponibile sul sito centroculturapordenone.it/irse  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Dopo decenni di blocco del turnover le forze dell’ordine vedranno

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e il fondatore dei

Un anno fa il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, aveva

sgarbi

Si discute sulla frattura del Movimento Cinque Stelle nella puntata

Il Fondo assistenza e benessere (Fab SMS) ha offerto in

Il Sassuolo dura un tempo e poi crolla dicendo addio

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.