Una bella storia, italiana, che riempie il cuore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
118844779_3305719036150037_622132196471004420_n

Lei è Sara Turetta, una ex pubblicitaria. Una giovane donna che nel pieno del suo successo ha lasciato tutto e si è dedicata al recupero di cani randagi.

Solo chi ha affondato i propri occhi in quelli di un randagio può capire di cosa stiamo parlando. Occhi che cercano una mano amica, una carezza, un po’ di cibo…

Sara legge un articolo e viene a conoscenza della terribile situazione dei canili di Bucarest, con cadaveri di cani scuoiati, di cani massacrati per strada perché diventati troppi per la popolazione.

Quel dolore non poteva restare vagante, inascoltato, e allora decide di partire per la Romania, dove attualmente vive.
Un Paese che le è ostile ma Sara non si arrende, non indietreggia, resta lì perché vuole riuscire a salvare quanti più cani possibile.

Una storia che mi emoziona, per il senso alto di amore verso gli animali.

Sara ha dimostrato che nulla è impossibile, che solo chi non vuole non fa.

Oggi Save the dogs, l’associazione che ha fondato, è diventata una delle più importanti realtà europee in campo della tutela degli animali, riuscendo a fare adottare più di settemila cani rumeni in tutta Europa.

C’è di più, nel 2017 apre una clinica veterinaria di 800 metri quadrati per gli animali delle persone più povere, oltre a un pronto soccorso per cani e gatti e un santuario per equini abbandonati.

Adesso si sta occupando anche dei cani italiani.

Gli animali mostrano sempre una grande riconoscenza, il loro amore non conosce limiti, incondizionato.

Sara ha dato speranza e vita a molti di loro.

È una bella storia di misericordia.

Un abbraccio Sara, e grazie per tutto quello che stai facendo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il carcere non è una discarica di rifiuti umani dove

“Concretezza: è questo il ‘fil rouge’ che lega le tante

La pratica dello sport di contatto, singolo o di squadra,

Il Parco archeologico dei Campi Flegrei a Napoli ospita dal

Con una cerimonia svoltasi oggi pomeriggio a Palazzo delle Aquile,

CATANZARO – Dopo esserci occupati del giallo di Viale Cassiodoro,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.