ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Una città sempre più green con tre Giardini Fenologici e una strategia per il verde urbano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
giardini-pubblici

A fine del 2020 sono state creati tre giardini fenologici, nei parchi di Villa Ghigi, Nicholas Green e della Cà Bura, dove sono stati messi a dimora in tutto 300 tra alberi ed arbusti per sperimentare la strategia. Monitorando le fasi di sviluppo (fasi fenologiche) delle piante è possibile evidenziare i cambiamenti climatici e come esse si adattano a questi cambiamenti.

Bologna – Ma cos’è un giardino fenologico (in inglese Phenological Monitoring Area)? È un luogo nel quale vengono impiantate delle specie vegetali definite per registrare e studiare con regolarità tutte le fasi di sviluppo. La fenologia infatti è quella branca della biologia che studia i rapporti tra il clima ed i fenomeni che si manifestano periodicamente negli organismi viventi. Le risposte ritmiche della vegetazione sono determinate, oltre che dalle caratteristiche genetiche di ogni pianta, anche da numerosi fattori ambientali, il terreno, il clima, le pratiche colturali, l’inquinamento del suolo e dell’aria o fitopatogeni. Monitorando e studiando le piante si potranno capire gli effetti sul clima, una strategia innovativa di gestione del verde urbano, condivisa con i cittadini e con il mondo imprenditoriale, che tiene maggiormente conto dell’impatto positivo di alcune specie arboree sui fenomeni legati ai cambiamenti climatici e sul conseguente benessere dei cittadini. Le prossime aree in cui saranno creati altri giardini fenologici sono i parchi urbani Nicholas Green e Villa Ghigi.

Il progetto dei Giardini Fenologici è una delle azioni di LIFE CLIVUT (Climate Value of Urban Trees) finanziato dal programma LIFE dell’Unione Europea e coordinato dall’Università di Perugia. Le quattro città pilota del Mediterraneo in cui si sta sperimentando questa strategia di gestione del verde ubano sono Perugia, Bologna, Salonicco e Oeiras. La progettazione della strategia per il verde urbano prevede un processo partecipativo che coinvolgerà i cittadini e l’intera comunità urbana: urbanisti, amministrazioni territoriali, studenti, università, mondo dell’impresa. Partendo da una migliore ed approfondita conoscenza del patrimonio arboreo pubblico e privato della città e del suo valore in termini climatici ed ecosistemici, si intende individuare comportamenti ed azioni per uno sviluppo resiliente del verde urbano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

violenza

DIRITTI DELLE DONNE I dati sulle risorse e l’attuazione del

brunetta

EVITIAMO CHE LA RECESSIONE SI TRASFORMI IN DEPRESSIONE ECONOMICA L’Europa

Genova –  Calano gli infortuni sul lavoro in Liguria, ma

OPERAZIONE “YUPPIES 2.0” – ABUSIVISMO FINANZIARIO E AUTORICICLAGGIO: 8 ARRESTI

Un intero esercito di hacker della Corea del Nord avrebbe

ambiente

Ospiti d’onore Luca Mercalli, Federica Gasbarro e Stefano Liberti. Un

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.