Unesco: Prosecco il vino più stappato con 25% export

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
vino

Il Prosecco è il vino italiano più conosciuto e più bevuto nel mondo con un aumento record delle esportazioni che è stato del 25% nel 2019 con la previsione di arrivare al valore di un miliardo a fine anno. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al primo bimestre nell’esprimere apprezzamento dopo che l’’Icomos, l’organo consultivo dell’organizzazione Onu, che ha deciso di “raccomandare le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene per l’iscrizione nella Lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco.

Un risultato atteso che – sottolinea la Coldiretti – riconosce l’importanza di un territorio dallo straordinario valore storico, culturale e paesaggistico in grado di esprimere una produzione che ha saputo conquistare apprezzamenti su scala mondiale. Delle 466 milioni di bottiglie Doc vendute lo scorso anno circa 2 su 3 sono state vendute all’estero dove la Gran Bretagna – continua la Coldiretti – è di gran lunga il Paese che ne consuma di più. La produzione – precisa la Coldiretti – è intimamente connessa con le caratteristiche del territorio e del meraviglioso paesaggio delle Colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene.

L’ Italia può contare su molti “tesori” già iscritti nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’Unesco L’elenco tricolore comprende l’Opera dei pupi (iscritta nel 2008), il Canto a tenore (2008), la Dieta mediterranea (2010) l’Arte del violino a Cremona (2012), le macchine a spalla per la processione (2013) e la vite ad alberello di Pantelleria (2014), l’’arte dei pizzaiuoli napoletani (2017), la Falconeria, iniziativa cui l’Italia partecipa assieme ad altri 17 Paesi e dal nove,mbre 2018 l’“Arte dei muretti a secco” sulla base della candidatura avanzata dall’Italia con Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera. Accanto al patrimonio culturale immateriale, l’Unesco – conclude la Coldiretti – ha riconosciuto nel corso degli anni anche un elenco di siti, e proprio l’Italia è lo stato che ne vanta il maggior numero a livello mondiale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

IERI mattina, 3 gennaio, nel reparto lastratura della SEVEL è

Trieste  – “L’Unione europea assuma un ruolo da protagonista nelle

Gad Lerner l’ha scritta grossa. Non perde occasione per piegare

“Questa legge è un’occasione mancata per l’Abruzzo che vede nei

GENOVA – L’ultimo decreto del Governo sul mondo del lavoro

Barbara Palombelli è tornata al timone del contentore politico delle

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.