UNHCR: sono oltre 80 milioni gli sfollati e i rifugiati nel mondo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
immigrati

Hanno superato la soglia degli 80 milioni gli sfollati e i rifugiati nel mondo. Nell’ultimo anno milioni di persone sono state costrette a fuggire dalle loro case a causa di persecuzioni, conflitti e violazioni dei diritti umani. E secondo l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), la pandemia e i conflitti esistenti o nuovi hanno “drammaticamente influenzato le loro condizioni”. E la cifra enorme di persone sradicate già raggiunta rischia di “continuare ad aumentare a meno che i leader mondiali non fermino le guerre”, ha detto l’Alto Commissario, Filippo Grandi.
“Mentre lo sfollamento forzato è raddoppiato nell’ultimo decennio, la comunità internazionale non riesce a mantenere la pace”, ha aggiunto. Le cifre dell’Unhcr parlano di 79,5 milioni di persone sradicate dalla loro casa, dalla loro vita in tutto il mondo, tra cui oltre 45 milioni di sfollati interni, 29,6 milioni di rifugiati e oltre 4 milioni di richiedenti asilo.
Nonostante l’urgente richiesta del Segretario generale delle Nazioni Unite a marzo di un cessate il fuoco globale durante la pandemia, i conflitti e le persecuzioni continuano, rileva l’agenzia Onu per i rifugiati. Nuove persone sono state costrette a fuggire dalle loro case in paesi come Siria, Mozambico, Somalia, Repubblica Democratica del Congo o Yemen.
Nuovi e significativi sfollamenti sono stati registrati in tutta la regione centrale del Sahel, dove i civili subiscono violenze indicibili, tra cui stupri ed esecuzioni. ”Lo sfollamento forzato è raddoppiato nell’ultimo decennio” sottolinea Grandi che rileva anche come alcune misure adottate per frenare la diffusione del Covid-19 hanno reso più difficile per i rifugiati accedere alla sicurezza.
Al culmine della prima ondata di pandemia dello scorso aprile, 168 paesi avevano chiuso le loro frontiere in tutto o in parte e 90 paesi non hanno fatto eccezioni per i richiedenti asilo.
Per chi ha dovuto abbandonare la propria terra, la pandemia di Covid-19 è diventata “un’ulteriore crisi di protezione”, non a caso, le richieste di asilo sono diminuite di un terzo rispetto allo stesso periodo del 2019. Inoltre, solo 822.000 persone sfollate sono tornate a casa, 635.000 delle quali erano fuggite in altre zone all’interno del paese. Infine, con oltre 102.000 rimpatri volontari nella prima metà del 2020, i rimpatri dei rifugiati sono diminuiti del 22% rispetto al 2019.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Rocco Casalino nel mirino del Copasir, il comitato di vigilanza

Cambio radicale delle condizioni meteo con l’inizio della prossima settimana.

Fratelli d’Italia: Contrastare morti sul lavoro e controllare gli appalti

I fatti di questi ultimi giorni ci hanno ribadito che

Stand Florio dal 4 al 6 luglio 2019 ore 21:00

Una stretta insenatura sulle coste della città di Taiji, in

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.