ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Unità speciali di assistenza prioritarie in case riposo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
anziani

Trieste – “Prima di parlare di Fase 2, vanno affrontati e risolti i gravi problemi che ancora ci sono o potrebbero addirittura esplodere alla fine della Fase 1, in particolare nelle oltre 140 case di riposo dove circa 10.900 cittadini e centinaia di operatori sanitari del Friuli Venezia Giulia rischiano seriamente il contagio da Covid-19”.

Ne è convinta Simona Liguori, consigliera regionale dei Cittadini che così aggiunge in una nota: “Se l’obiettivo è quello di interrompere la diffusione del virus intensificando la prevenzione dei contagi e attivando le cure e l’assistenza sui territori, la partenza delle neonate Unità speciali di continuità assistenziale (Usca), che le Aziende sanitarie hanno annunciato per il dopo Pasqua, non può che iniziare da quelle strutture dove i focolai di contagio sono decisamente più a rischio e le persone sono più fragili”.

“Lì vivono molti dei nostri genitori, dei nostri nonni, delle persone che con grandi sacrifici hanno fatto la storia sociale, economica e culturale del Friuli Venezia Giulia, donne e uomini che hanno il diritto di essere curati con tutti i mezzi e le forze a disposizione e non lasciati da soli nel momento più delicato e difficile. In quelle strutture, non dimentichiamolo – fa presente ancora la Liguori -, lavorano centinaia di operatori sanitari, ormai in molti casi allo stremo delle forze, professionisti ai quali non sempre è stato garantito il sostegno necessario nonostante siano seriamente esposti al contagio”.

“Nelle oltre 140 case di riposo del FVG che accolgono gli anziani, ci sono stati circa il 25% dei contagiati totali del FVG (487, di cui 166 operatori, su 2.299) e circa il 40% dei decessi (70 su 170). Prioritario affiancare al più presto ai medici di medicina generale le Usca (un medico e un infermiere del territorio) nelle case di riposo e al domicilio delle persone coronavirus positive. Questa è una risposta alla emergenza sanitaria – conclude l’esponente dei civici – che sta colpendo gli anziani, le loro famiglie e gli operatori sanitari della nostra regione, da Paluzza a Trieste e Opicina, passando per Zoppola, Lovaria, Mortegliano e San Giorgio di Nogaro”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il professor Crisanti sta pagando a caro prezzo l’aver detto

BUTAC BULLIZZA, INVECE DI UNIRSI NELLA DIFESA. ll body shaming, o derisione

Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti ha dato le dimissioni con

QUANDO IL LUPO FA NOTIZIA: UN CORSO DI AGGIORNAMENTO PER

“L’Europa non deve aiutare noi, l’Ue deve aiutare se stessa

appalti

«Sulla revisione delle concessioni, conviene a tutti un accordo sulla

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.