Un’ottima Italia supera l’Olanda 0-1

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
EhWE4MuXgAAod5C

L’Italia vince 1-0 contro l’Olanda alla Johan Cruyff Arena nella seconda giornata di Nations League. A decidere l’incontro il gol di Barella messo a segno al 46′ del primo tempo al termine di una fantastica azione degli Azzurri sull’out di sinistra. Per effetto di questa vittoria l’Italia balza in testa al Gruppo A con 4 punti.

Niente a che vedere con il match con la Bosnia: la squadra di Roberto Mancini corre,gioca, diverte e va sistematicamente al tiro, creando non pochi grattacapi agli ‘Orange’, orfani del ct Ronald Koeman, da qualche settimana sulla panchina del Barcellona. Apprensione per Zaniolo, uscito sul finire del primo tempo dopo un contrasto ginocchio contro ginocchio con Van de Beek.

Rispetto all’1-1 di Firenze, il ct cambia sette giocatori su 11, confermando solo Insigne, Donnarumma, Barella e Bonucci. Jorginho ha le chiavi del centrocampo, la Scarpa d’Oro Immobile guida l’assalto alla porta di Cillessen, con Chiellini che ritrova il posto davanti a Donnarumma. Esordio per Locatelli.

Match che parte subito con ritmi alti, al 13′ Barella si ritaglia lo spazio per la conclusione e, per poco, non sorprende il portiere sotto la traversa. Al 17’anche una rovesciata volante di Zaniolo finisce di poco alta. Passano altri 2′ e Immobile non inquadra la porta per una questione di centimetri. Spinazzola crea la superiorità numerica in attacco, stazionando nella metà campo olandese. Al 27′ sempre Barella alla conclusione, De Roon smorza.

Al 32′ si fa vedere l’Olanda con Wijnaldum, che si libera al tiro e impegna in due tempi Donnarumma. Poi è la volta di Insigne che impegna Cillessen. Quando attacca, l’Italia riesce sempre ad andare al tiro ed è un buon segno. La partita è aperta, il pressing olandese non è asfissiante e Jorginho può ricamare con i tempi giusti le trame di gioco.

Al 40′ contatto ginocchio contro ginocchio Van de Beek-Zaniolo, che finisce a terra, sembra addirittura in lacrime, poi lascia il campo (a Kean) sulle proprie gambe. “Una distorsione di una certa entità” dirà il prof. Ferretti al 90′.

Prima della chiusura del tempo, l’Italia sblocca il punteggio con Barella,anche stasera uno dei migliori, che insacca di testa un cross dalla sinistra di Immobile. Un gol meritato.

Nella ripresa subito bravi i due portieri: Cillessen sul solito tiro a parabola di Insigne, Donnarumma su stoccata di Vande Beek. Si fa vedere anche Depay al tiro ma, quando l’Italia riparte, crea grande apprensione nella difesa dei ‘Tulipani’.

L’Olanda cerca di fare la partita, ma sembra poco lucida, col fiato corto e teme di lasciare spazi all’Italia, che riparte a tutta e va sempre al tiro. Come al 22′, con Kean, che manda di pochissimo a lato. Gli olandesi solo negli ultimi 10′ riescono a posizionarsi nella metà campo italiana, ma Donnarumma non corre grandi rischi.

Proteste arancioni per un contatto in area al 43′, con Dumfries che finisce a terra e l’arbitro lascia correre. Nel finale occasione colossale per l’Italia con Kean che, in pieno recupero, entra in area, salta pure Cillessen in uscita, ma non riesce a inquadrare la porta. Un errore che costringe l’Italia a soffrire fino al fischio finale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

CHIVASSO (TO) – Nuovo incontro questa mattina, presso la sede

L’impatto della pandemia sulle catene di approvvigionamento globali e l’inevitabile

L’odio non è un virus, una malattia sociale. Nasce e

Dal tartan di Nastola, in Finlandia, arrivano le prime soddisfazioni

Il presidente del Consiglio regionale FVG, Piero Mauro Zanin, ha

Con l’arrivo dell’estate, la Valle d’Aosta vuole lanciare un forte

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.