US Open 2019, Berrettini batte Rublev 6-1, 6-4, 7-6 e vola ai quarti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
tennis

Matteo Berrettini entra nello storia del tennis italiano conquistando i quarti di finale degli US Open, quarto e ultimo Slam della stagione, in corso sui campi in cemento di Flushing Meadows a New York. Il 23enne romano, numero 25 del ranking mondiale (ma entrerà nei Top 20) e 24esima testa di serie, ha battuto 6-1, 6-4, 7-6 in poco più di due ore di gioco il russo Andrey Rublev, numero 43 Atp, che a Flushing Meadows aveva già raggiunto i quarti due anni fa (eliminato da Nadal) e che a Cincinnati aveva liquidato un certo Roger Federer in appena 62′ di gioco. Matteo conquista così i quarti di finale di uno Slam per la prima volta in carriera, dopo gli ottavi centrati al Roland Garros 2018 e a Wimbledon 2019. Berrettini diventa anche il secondo italiano di sempre ad entrare nei migliori 8 dello Slam americano dopo Corrado Barazzutti nel 1977, anche se all’epoca si giocava sulla terra verde. Il tennista allenato da Vincenzo Santopadre attende ora il vincente del match tra il francese Gael Monfils, 13^ testa di serie del seeding, e lo spagnolo Pablo Andujar (70).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

E per guardare avanti e oltre dico al M5S che

“Articolo Uno condivide la posizione espressa dai sindacati confederali in

Trieste  “Dopo ‘Stars’ di Terry O’Neill e ‘Across the Century’

Dopo Grosseto, Piombino e Massa anche a Viareggio si costituisce

Si è svolto oggi al Ministero il primo tavolo di

Oggi, 13 agosto, come già saprete probabilmente dai mezzi di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.